martedì 28 giugno 2022

Il mio dip (irregolare) per il club del 27

 


Questo mese nel Club ci occupiamo di dip, l'ideale col caldo che fa, chicche squisitissime da assemblare in due minuti, servire fredde, accompagnate da bollicine chiacchiere è intimità.

Non sempre si deve cucinare, preparare in anticipo e poi servire, questo si, ogni tanto chiudiamole queste cucine e pensiamo a goderci il momento, qui ed ora.

Presentiamoci splendide offrendo prelibatezze splendide quanto noi.

Una volta tanto almeno … ora i 36 gradi registrati e chissà quanti percepiti ce lo consentono …

Le ricette che pubblicheremo oggi sono tratte dal libro Big Dips, di James Bradford.

Tutte buonissime, particolari e rapidissime, si fa più in fretta a preparare (e gustare) che a scrivere la ricetta.

Io ho preparato una bontà che si fa i 2 minuti e assicura la ola 😍

Complice anche un piccolo errore di calcolo 😅

Dovevano essere fichi e non sono stati (trovati), così ho ricalibrato la ricetta adattandomi con quello che c'era 😏

Ed ecco il mio dip di prosciutto e pesche nettarine che è tutto dire ed ha il suo perché … assaggiatelo, si spiega da solo.

E non perdetevi nessuna delle ricette del nostro Club, le trovate tutte qui.

Con la tessera n. 37, anche questo mese partecipo al Club del 27


crackers ai cereali

maionese

prosciutto crudo

pesche nettarine affettate a grigliate

miele

rosmarino


Spalmare un velo di maionese sui crackers, sistemare sui crackers il prosciutto e le pesche nettarine, completare col miele e rosmarino … portate a tavola e godetevi il momento …. la cucina è il mezzo non il fine (a meno che non siate lo chef ovviamente😊)


lunedì 30 maggio 2022

Cake fondente al cioccolato e ancho chili



 

Ci risiamo riproviamo a riprendere, questa volta con un bel bagaglio di foto e ricette accumulato in questi anni, perché cucinare si è sempre cucinato, fotografare è irresistibile, non se ne può fare a meno. 

E siamo qua.

Oggi propongo una ricetta preparata qualche tempo fa per Keep Calm and What's for dinner.

Si tratta di una torta molto particolare che si pone nella scia degli accostamenti geniali di Ottolenghi, che a volte sono scontri, infatti viene da Thomasina Miers che collabora con con lui in Feast.

Cioccolato e peperoncino dove il peperoncino è l'ancho, quella sorta di peperone che in Messico è utilizzato un po' dappertutto, anche fresco in piatti salati, ripieno di carne, formaggio ...

Piccante è piccante, ma moderatamente con un gusto dolce che somiglia al peperone e alla paprica.

Se non ne disponete omettetelo tranquillamente, il dolce con la sua particolarissima tecnica di esecuzione ha un suo senso a prescindere ed è comunque da provare.

In rete si trova facilmente purtroppo in quantità industriale che poi bisogna smalitire :-)

Per me lo smaltimento non è un problema già solo col il caramel al mandarino di Ottolengi mi sa che esaurirò le scorte :-)

Ed eccoci di nuovo qua :-)

A volte ritornano oppure non sono mai andati via


Da The Guardian aprile 2022


Ingredienti per 8–10 persone


240 g di burro non salato, più un extra per ungere

7 uova, separate

260 g di zucchero semolato

80 g di nocciole tostate

240 g di cioccolato fondente

1 peperoncino ancho, il gambo e i semi eliminati

2 cucchiai di tequila bianca

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

25 g di cacao in polvere

¼ cucchiaino di cannella in polvere

un grosso pizzico di sale


Preriscaldate il forno a 170°, ventilato, ungete uno stampo a cerniera da 23 cm di diametro con il burro e foderatelo con carta da forno.

Sciogliete a bagnomaria a fuoco dolce il cioccolato e il burro. Lasciate raffreddare.

Portare a bollore un bicchiere di acqua in un piccolo pentolino, spegnete il fuoco e lasciate il peperoncino ancho a reidratare nell'acqua calda per 10 minuti.

Al termine scolate il peperoncino, strizzatelo e riducetelo in piccoli pezzi, con un mortaio o con un un coltello da cucina e aggiungetelo al cioccolato con la tequila e la vaniglia.

Mescolate bene fino a quando non si sarà sciolto, ci vorranno circa 5 – 10 minuti (personalmente mi sono aiutata con un mixer ad immersione).

In planetaria montate i tuorli con lo zucchero per qualche minuto, fino a quando non avranno triplicato di volume.

Ridurre a farina le nocciole con il cacao in polvere, la cannella e il sale e mettete da parte.

Montate a neve ben ferma gli albumi.

Versate gradualmente il cioccolato fuso nei tuorli, utilizzando un frullatore a immersione per amalgamare bene.

Incorporate a mano, con una spatola, il composto di nocciole e cacao, alternando gli albumi, in tre fasi.

Sistemate metà del composto nello stampo preparato e livellare la parte superiore.

Cuocete per 20 -25 minuti, fino a cottura, come sempre fa fede la prova stecchino!

Sfornate e lasciate raffreddare.

Preriscaldate il forno a 190°, ventilato.

Versate il resto del composto sulla torta e livellate con una spatola facendo attenzione a lasciare il bordo della base torta attorno.

Cuocete per 12-15 minuti, fino a quando non si sarà formata una leggera crosticina. Sfornate.

Si serve a temperatura ambiente o leggermente raffreddata.

Io ho completato con una spolverata di cacao amaro.

lunedì 29 novembre 2021

Pear Punch

 


Eccoci al nostro appuntamento col Club del 27, questo mese abbiamo preparato un calendario dell'avvento ricco di idee nuove e particolari per le prossime festività.

Le ricette, tutte testatissime (e buonissime), provengono dal nuovissimo libro di Julia Stix e Eva Fischer, Festive, che abbiamo pensato di rileggere (e cucinare) insieme a voi questo mese per stare insieme, piacevolmente, fino a Natale.

Io ho preparato un confortevole punch di pere, che in verità non ho più lasciato e vi consiglio di assaggiare. Si prepara in un attimo e tiene tanta compagnia

E non perdete nessuna delle squisite ricette del nostro calendario dell'avvento, le trovate tutte qui.


Ingredienti per 4 persone


4 bustine di tè alla frutta (io alla mela e frutti rossi)
2 bastoncini di cannella
1 pera
1 limone
350 ml di vino bianco
55 g di zucchero di canna grezzo
100 ml di rum


Portate a bollore 2 tazze (500 ml) di acqua in una piccola casseruola. Aggiungete le bustine di tè e i bastoncini di cannella, mettete da parte a macerare per 5-8 minuti.
Nel frattempo sbucciate la pera tagliatela in quarti, eliminando il torsolo, quindi tagliatela a dadini.

Lavate limone sotto l'acqua calda e asciugatelo bene. Con l'aiuto di un pelapatate tagliate la scorza in una lunga spirale, per me è stato quasi un flop 😅

Spremete il limone.

Unite al tè il vino bianco, la scorza di limone, il succo di limone, lo zucchero e il rum.

Riscaldate, mescolando fino a quando lo zucchero sarà sciolto.

Sistemate i cubetti di pera in quattro bicchieri, completate col punch.

sabato 16 ottobre 2021

Il cafoncello per WBDv2021



Oggi è la Giornata Mondiale del Pane, WBD 2021, come ogni anno partecipo alla raccolta promossa da Zorra aggiungendo il mio pane, cotto per l'occasione, all'ideale cesto dei pani del mondo che si va formando nel  blog konchopf che troverete on line sul sito da fine ottobre.
Io ho preparato quello che dalle mie parti è definito "cafoncello" un pane molto idratato, dall'alveolatura spiccata, morbido internamente e croccante fuori che si presta ottimamente all'accompagnamento di formaggi e salumi e va a meraviglia con intingoli e salsine. Per la realizzazione ho utilizzato la ricetta del pane senza impasto di Jim Lahley con qualche variazione.
Diciamo che non l'ho messo in posa, la foto è così, diremmo naturale, sono come sempre in una confluenza di cose e di impegni, ma il pane l'ho sfornato!😍

400 g di farina tipo 1 + quella per lo spolvero
3 g di sale
3 g di zucchero
1 pizzico (2 - 3 g.) di lievito di birra fresco
300 g di acqua fredda, 13-18°C
Sciogliere il lievito di birra nell'acqua fredda.
In una capiente ciotola unire farina, sale e zucchero, aggiungere l'acqua con il lievito, mescolare per circa 30 secondi per amalgamare gli ingredienti, si otterrà un composto umido e appiccicoso.
Coprire la ciotola con una pellicola per alimenti, lasciare lievitare a temperatura ambiente per 12 – 18 ore, l'impasto sarà quasi triplicato e costelato da buchetti.
Trasferire il composto su una spianatoia cosparsa di farina e praticare le doppie pieghe, poi, ancora doppie pieghe, facendo sempre attenzione a lavorare su un piano ben infarinato. Formare una palla. Spennellare la superficie con un po' d'olio, cospargere con un pizzico di sale grosso.
Sistemare il panetto con le pieghe sotto su un canovaccio cosparso di abbondante farina, ripiegare il canovaccio sull'impasto, chiudere senza stringere.
Lasciare lievitare per 2 ore in forno con la lucetta accesa, deve raddoppiare.
L'impasto è pronto quando affondando un dito trattiene l'impronta senza perderla subito.
Tagliare l'impasto in 2 parti uguali dividendo il panetto in senso trasversale, separarle delicatamente e allungarle in pochino appena per definire le due punte del pane, attenzione a non premere sull'alveolatura. Sistemare il pane su una teglia coperta di carta forno lasciando un po' di spazio tra un pane e l'altro o cuocere separatamente. Praticare un'incisione lungo tutto il pane.
Cuocere in forno statico già a temperatura a 250° per 15 – 20 minuti, ruotare la teglia a metà cottura, devono dorare. 




lunedì 27 settembre 2021

Curry di ceci per il Club del 27



Con l'autunno riprende il Club del 27.

Questo mese ci occupiamo di cucina afgana vista attraverso Parwana, il bellissimo libro di Durkhanai Ayubi che, insieme a ricette, racconta pezzi di vita, storie di famiglia di esuli, profughi e della vita ritrovata sulle ali colorate di una farfalla Parwana appunto, quale migliore icona di libertà.

Un segno di solidarietà per chi non può parlare, ha perso voce, parola, immagine, colori💗

Ho scelto un curry.

Un semplice curry di ceci da mangiare così com'è o accompagnato da riso pilaf.

Questo mese non avrei potuto, ma ormai è sempre, mi trovo sempre allo sondo tra lavoro, studio, vita e tanto ancora.

Mentre pensavo di mettere in pausa le foto, quelle due in croce che ogni tanto faccio 😊, perché proprio il tempo non c'era, mi ritrovo due consegne quasi contemporanee di stoviglie, cercavo un piatto, ho rifatto i propt 

Un brocardo latino del mio lavoro praticato mi ricorda facta concludentia, i miei studi mi rimandano ad un chiaro segnale inconscio … una sorta di lapsus 😊

Insomma pare che voglio fotografare … vedremo come va 

Intanto gustiamoci le meravigliose ricette afgane di Parwana, le trovate tutte qui.

Con la tessera n. 37 partecipo al Club del 27.

Ingredienti per 4 persone

400 g di ceci secchi
250 ml di olio di girasole
1 grossa cipolla, finemente tagliata a dadini
2 spicchi d'aglio, schiacciati
2 cucchiaini di curry in polvere
1 cucchiaino di chaar masalah*
1 cucchiaino di zucchero bianco
3 foglie di alloro essiccate
4 pomodori grandi, passati in un frullatore
1 cucchiaio di aceto bianco
250 ml di acqua bollente

sale
Foglie di prezzemolo fresco, tritate grossolanamente, per servire


Sistemate i ceci in una capiente ciotola copriteli con acqua fredda in modo che l'acqua superi il livello dei ceci di almeno 5 cm. Lasciateli ammollare per almeno 8 ore.
Scaldate l'olio in una casseruola media a fuoco alto e soffriggete la cipolla e l'aglio per 3-4 minuti, comunque fino a doratura. Aggiungete le spezie, lo zucchero, le foglie di alloro e 1 cucchiaino di sale, cuocete mescolando di tanto in tanto, per 3 – 4 minuti, finché non si addensa.

Unite il pomodoro e l'aceto, portate a bollore, quindi riducete il fuoco a medio e cuocete a fuoco lento per 10 minuti, o fino a quando la salsa non si inspessisce e l'olio sale in superficie.

Aggiungete l'acqua bollente alla salsa e mescolare per unire.
Alzate la fiamma al massimo e portate a bollore. Cuocete ancora per 3 minuti, o fino a quando la salsa si addensa leggermente.

Scolate i ceci, sciacquateli in acqua fredda e scolateli nuovamente. Sistemate i ceci in una casseruola media, unite 2 litri di acqua fredda e portare a ebollizione. Riducete il fuoco a medio, coprite con un coperchio e cuocete per 35 minuti, o finché non si saranno cotti ma ancora sodi.

Scolate i ceci in uno scolapasta, scartando l'acqua, quindi uniteli al sugo e fate cuocere a fuoco lento per 5 minuti. Regolate di sale.

Cospargete di prezzemolo e servite.


* Il chaar masalah si può sostituire con cannella, pepe nero, chiodi di garofano, cumino e cardamomo in eguale misura.




martedì 27 aprile 2021

Flapjacks cocco, mela e cannella





Questo mese riesco a partecipare al Club del 27, mi mancava

Oggi si inforna.

Questo mese abbiamo scelto tante ricette dal libro The roasting tin di Rukmini Iyer

Bellissime ricette, colorate, particolari, easy, da sistemare in teglia e infornare.

Dimentichiamocele fino allo squillo del timer … poi yummy :-)

Le ricette sono una più gustosa dell'altra e velocissime! Le trovate tutte qui, non perdetene nessuna!

Io ho preparato delle buonissime barrette leggere, facilissime e molto appetitose.

Se vi piacciono i fiocchi d'avena le adorerete, non fatevele mancare, ci vuole davvero un attimo.

In teglia e poi in forno e vai!


ingredienti per persone 8


75 g di sciroppo d'acero
100 g di zucchero
125 g di burro
1 cucchiaino di cannella in polvere
175 g di mele piccole grattugiate (io mela annurca)
75 g di datteri, tritati grossolanamente
75 g di mirtilli rossi secchi
50 g di pistacchi
200 g di fiocchi d'avena
75 g di cocco essiccato

Preriscaldate il forno a 150 ° C ventilato.

Unite lo sciroppo d'acero, lo zucchero, il burro e la cannella in una capiente pentola, scaldate a fuoco medio fino a quando non si saranno sciolti, quindi aggiungete la mela grattugiata e i datteri. Mescolate a fuoco medio per 3-4 minuti, poi unite i mirtilli rossi, i pistacchi, i fiocchi d'avena e il cocco.

Trasferite il composto in una teglia foderata da carta forno, compattate e livellate bene.

Infornate per 40 minuti, fino a doratura.

Sformate e trasferite il Flapjack, sollevandolo con attenzione nella carta forno, su una gratella a raffreddare, quindi tagliate in barre.


mercoledì 10 febbraio 2021

Biscotti avena e mele






Si parte per tornare a casa, il vero viaggio alla fine è in se stessi.
Questa volta il viaggio è nelle nostre radici, alle origini della nostra cucina.
Prepareremo dei menù completi seguendo la stagionalità utilizzando ingredienti basici, quanto più naturali possibile per condividerli al tavolo comune della Fattoria Consapevole e Solidale.
Io ho preparato dei biscotti con farina di avena e mele.
Come vedete niente di iper trendy, fustigatorio o introvabile, questo è il rischio quando si parla di salutare.
Uova di galline felici, burro buono di panna e farina poco raffinata, tutto condito da attenzione e cura la mia idea di cucina naturale.
Un momento di benessere da condividere con chi si ama.
Si cucina sempre pensando a qualcuno. 

Ecco la mia proposta per il gruppo alimentare cereali della nostra Fattoria Consapevole e Solidale


220g di farina di avena
100g di burro
100g di zucchero di canna + un cucchiaio extra per il composto di mele
100g di mandorle pelate (o nocciole) leggermente tostate e tritate
100g di mele (io 2 mele annurche)
40 g di uvetta
1 uovo
cannella
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzichino di sale (pochissimo)

Sciacquate bene le mele, non sbucciatele, tagliatele a fettine sottili,
In una padella dal fondo spesso cuocete le mele con 1 cucchiaio di zucchero di canna, l'uvetta precedentemente ammollata, scolata e asciugata, e un generoso pizzico di cannella, lasciatele cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti. Mettete da parte e lasciate raffreddare bene.
Nella planetaria foglia K unite gli ingredienti secchi precedentemente mescolati e il burro a pezzetti, Impastate pochissimo a velocità 1, appena il tempo di ottenere grosse briciole. Unite le mele e l'uovo e impastare ancora pochissimo giusto il tempo di amalgamare gli ingredienti.
L'impasto può essere realizzato tranquillamente a mano seguendo l'ordine degli ingredienti e impastando lo stretto necessario.
Trasferite l'impasto protetto da pellicola alimentare a riposare in frigo per almeno un'ora o di più.
Al termine stendete l'impasto su una spianatoia leggermente infarinata (se l'impasto è freddo è non si attaccherà molto) ricavandone dei biscotti con l'aiuto di un coppapasta. Continuate fino ad esaurimento dell'impasto.
Sistemate i biscotti su una teglia protetta da carta forno e cuocete in forno già a temperatura a 180° statico per 10 – 12 minuti. Ogni forno ha la sua cottura, i biscotti debbono dorare, ambrarsi dolcemente. Sfornate i biscotti e lasciateli raffreddare prima di servirli.



Per la ricetta mi sono ispirata qui