domenica 8 marzo 2015

Quanti modi di fare e rifare i maritozzi


 Eccoci, pronte per colazione, la Cuochina ci ha portato nella cucina di Silvia, dobbiamo assaggiare i suoi maritozzi!!!
Silvia, da buona romana, ci ha insegnato la versione originale condendola di bellissimi versi.
Io, come sapete, sono napoletana, non riesco a resistere al fascino dei dolci di Salvatore De Riso che ho imparato ad apprezzare durante tanti anni di corsi, così ho preparato i maritozzi, si, ma …... di De Riso, non saranno proprio romani ma sono tanto buoni ve lo assicuro :-)

per i maritozzi
500 g. di farina manitoba
40 g. di olio EVO
45 g. di burro morbido
75 g. di zucchero
2 uova
20 g. di lievito di birra sbriciolato
50 g. di latte condensato
110 g. di acqua a temperatura ambiente
1/3 di baccello di vaniglia

per la glassa
100 g. di zucchero a velo
30 g, di acqua

per la panna
500 g. di panna da montare
50 g. di zucchero
1/3 di baccello di vaniglia

per completare
zucchero a velo

Sistemare nella ciotola del kenwood tutti gli ingredienti tranne l'acqua, impastare con la frusta a gancio, velocità 1 – 2, fino ad ottenere un composto sodo, unire in due o tre riprese l'acqua e continuare ad impastare a velocità 2 per circa 15 minuti. Al termine l'impasto sarà liscio, omogeneo e ben incordato.
Sistemare l'impasto in una capiente ciotola protetta da pellicola per alimenti e lasciare lievitare in forno con la lucetta accesa per circa un'ora o, comunque, fino al raddoppio.
Formare i maritozzi tagliando la pasta a pezzi di circa 60 g. l'uno. Arrotondare i pezzi formando delle palline, quindi, allungarle leggermente in forma ovale.
Sistemare i maritozzi su carta da forno e lasciarli levitare coperti (con uno strofinaccio in tessuto leggero e ben inumidito) in forno con la lucetta accesa per circa un'ora e mezza, devono triplicare.
Al termine preparare la glassa mescolando lo zucchero a velo e l'acqua con un frustino e glassare la superficie dei maritozzi. Cuocere in forno statico già a temperatura a 180° per 10 – 12 minuti, avendo cura di ruotare la teglia a metà cottura.
Lasciare raffreddare.
Incidere a metà i maritozzi lasciando la base integra.
Montare la panna con lo zucchero e i semini.
Farcire i maritozzi con la panna, decorare con zucchero a velo.
E io ci ho aggiunto pure una bella amarena, la panna era sola soletta, voleva compagnia :-)



LA NOSTRA CUOCHINA 

Ci vediamo il mese prossimo da Susanna cucineremo le sue Lasagne Verdi Emiliane.

Risultato finale


30 commenti:

  1. Buona domenica carissima Anisja,
    ti auguriamo una splendida giornata dedicata alla donna!
    Oggi, insieme a rose e mimose, spiccano nella “blogsfera” anche tantissimi, fantastici maritozzi che fanno venire l'acquolina in bocca a molti!!
    Anna e Ornella ti ringraziano di cuore per la meravigliosa versione che hai condiviso nella grande cucina aperta della Cuochina!
    Il prossimo appuntamento è per il 12 di aprile con un classico della cucina italiana Lasagne verdi emiliane di Afrodita, non mancare!!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Cuochina per l'ospitalità e per le meraviglise scoperte che ogni mese ci riservi, ci vediamo ad Aprile da Susanna, a presto ....

      Elimina
  2. a dir poco meravigliosi i tuoi maritozzi! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo gentile, grazie per avermi fatto scoprire questo meraviglioso dolce!!!
      Buona domenica, a presto ....

      Elimina
  3. Ci credo che sono tanto buoni! Non vedo l'ora di assaggiarli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena ti rimetterai :-)
      Grazie per essere passata da me, a presto ....

      Elimina
  4. complimenti bellissime con quella ciliegina che dà un tocco di colore sono ancora più invitanti,felice 8 marzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice festa a te e grazie per essere passata a trovarmi, a presto ....

      Elimina
  5. ciao Anisja ...
    sono uno spettacolo...ci sediamo e facciamo colazione anche
    se è pomeriggio!!
    BRAVISSIMA!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, accomodatevi ..... ho appena finito di riempirmi gli occhi con le vostre meraviglie, passerei volentieri da voi per uno spuntino serale :-)
      Buona domenica, a presto ....

      Elimina
  6. Wow! golosi davvero. Ogni versione di questi maritozzi è stupenda!
    Al prossimo appuntamento dei Quanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante cose scopriamo con la Cuochina!!!
      A presto ....

      Elimina
  7. Posso confermare che sono ottimi...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu hai assaggiato gli originali ..... io mi sono dovuta accontentare di una replica autoprodotta :-)

      Elimina
  8. Golosissima anche la tua versione, l'amarena ci sta proprio bene, alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dire ... la ciliegina sulla torta :-)
      Buona domenica, a presto ....

      Elimina
  9. Una versione super invitante Anisja, poi con le amarene ... mmmmm che bontà!!
    Se ci fosse la possibilità di penetrare lo schermo ti assicuro che te ne ruberei almeno un paio!!
    Un mega abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen, troppo gentile ....
      Accomodati , prego .... anche tre :-)
      Buona domenica, a presto ....

      Elimina
  10. Sono un vero incanto, complimenti cara e felice 8 marzo <3

    RispondiElimina
  11. Auguri a a te zia Consu!!!! sei sempre carinissima!!!!
    Buona domenica, a presto ....

    RispondiElimina
  12. Anisja!!!!ma quanto sono buoni!!!!!!meravigliosi!
    grazie per la ricetta!
    un bacione e buona serata:)simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, come va? ancora fraddo da te? anche qui da me è freddissimo!
      Grazie a te per essere venuta a trovarmi :-)
      Buon inizio settimana, a presto ....

      Elimina
  13. Che meraviglia Ani, sei stata bravissima, l'alunna ha superato il maestro! Bacioni :)))

    RispondiElimina
  14. Grazie, troppo, troppo, troppo gentile!!! ce ne vuole :-) Per me è un complimento grandissimo perchè De Riso è maestro non solo in pasticceria ma anche in professionalità, cortesia e, soprattutto, umiltà.
    Il problema (perchè è un problema!) è che sono una pefezionista che ogni tano è premiata da uno scatto fortunato :-)
    Buon inizio settimana, a presto ....

    RispondiElimina
  15. Anch' io ero in dubbio se seguire una ricetta più ricca con uova e burro, ma alla fine ho preferito la versione di Sylvia, siccome è adatta al periodo di digiuno di Quaresima, che in Grecia ci sono tanti a seguire... Voglio però assagiare anche la versione napoletana, così ne prendo appunti ..
    Un abbraccio e alla prossima!

    RispondiElimina
  16. Bellissimi da vedere e soprattutto golosissimi :)

    RispondiElimina
  17. Credo che potrei uccidere per questi... Oddioooo!!
    Mi mancano le parole, sono bellissimi, li devo provare!!
    Baci!

    RispondiElimina
  18. Credo che potrei uccidere per questi... Oddioooo!!
    Mi mancano le parole, sono bellissimi, li devo provare!!
    Baci!

    RispondiElimina
  19. Mamma mia che golosissima versione cara..... li adoro!!!!

    RispondiElimina
  20. Le ho lette tutte le vostre versioni di maritozzi O forse dovrei dire gustate per l'acquolina in bocca. Una più golosa dell'altra, complimenti.

    RispondiElimina