mercoledì 27 febbraio 2019

Il mio pollo fritto per il Club del 27


Signori, si frigge!!!
Questo mese il Club del 27 si cimenta nella rivisitazione di una delle più croccanti sfide dell'MTC, il pollo fritto, attraverso una selezione delle più belle e riuscite ricette proposte dagli sfidanti del tempo.
Proud to be a member
Partecipai anch'io, ho fritto, ricordo, un discreto pollo, il primo mai fatto, una cosina senza infamia e senza lode.
Questa volta ci ho voluto riprovare sperimentando la proposta della mia carissima (e mitica) amica Cinzia che con i pennuti è un portento.
Non avete idea di che cosa non era il suo tacchino al forno, una cosa stroboscopica, ultraextramegagoduriosa, lo dice una che non ama, come direbbe la mia amica Angelika, il genere bipedi piumati :-)
Comunque ho rifritto seguendo la sua proposta e facendo tesoro dell'esperienza passata, credo sia riuscito un buon fritto.
Questa volta anche le cosce erano cotte e sugose, il segreto: attenzione alla cottura, prolungandola anche di qualche minuto e moderando il calore del fuoco.
Basta prenderci la mano :-)
Il sequel tra qualche anno :-)
Non perdetevi nessuna delle proposte croccanti e appetitose del nostro Club del 27, le trovate tutte qui.
Con la tessera n° 37 anche questo mese partecipo al Club del 27.



Ecco le ricette di Cinzia

Pollo fritto
(infarinato, come da ricetta di Silvia)

Ingredienti:

1000/1300 g di pollo con ossa e pelle
(cosce, sovracosce ed ali)
1,5 l di olio per friggere
200 g farina
sale/pepe


Il pollo va messo a marinare a pezzi: personalmente divido le sovracosce e le ali a metà (la punta finale di queste ultime va scartata).
Preparate un piatto fondo per appoggiare il pollo infarinato, un piatto piano coperto da carta assorbente per appoggiare il pollo appena fritto e una placca da forno coperta anch’essa da carta assorbente per riporre il pollo fritto in forno e tenerlo al caldo.
Rimuovete il pollo dalla marinatura, lasciatelo scolare sopra una gratella posta su un foglio di carta da forno per mezz’ora almeno (per me anche tamponato, vista la notevole cremosità del latticello usato). Preparate una ciotola abbastanza capiente per contenere 3/4 pezzi di pollo alla volta e metteteci la farina con il sale e il pepe; in alternativa mettete farina, sale e pepe dentro un sacchetto alimentare capiente.
Prendete 3 pezzi di pollo, metteteli nella farina ed infarinateli pressando leggermente le carni oppure inseriteli nel sacchetto, chiudetelo ed agitate finché tutti i pezzi non saranno ben infarinati.
Scuoteteli per eliminare la farina in eccesso ed appoggiateli sul piatto preparato in precedenza.
Procedete panando il resto del pollo.
In una casseruola dai bordi alti versate l’olio e scaldatelo a fuoco medio fino alla temperatura di 180° circa. Se non avete il termometro mettete un pezzo di pane nell’olio, quando dorerà sarà il momento di immergere il pollo.
Immergete nell’olio 3 pezzi di pollo alla volta. Osservate l’olio: il pollo appena immerso friggerà formando molte bolle grandi e man mano che si cucinerà le bolle diminuiranno sempre più. Quando il pollo avrà una colorazione dorata ed omogenea, ci vorranno circa 6/8 minuti di cottura a seconda della grandezza del pezzo, scolatelo dall’olio ed appoggiatelo sul piatto con la carta assorbente.
Una volta asciutto, se desiderate potete tenerlo al caldo nel forno preriscaldato a 120° circa, infornandolo sulla placca da forno.

Salsa piccante al pomodoro

Ingredienti:

pelati homemade
aglio
cipollotto
olio extravergine di oliva
dado homemade
miscela Pampa Chimichurri *


* miscela di erbe e spezie argentina, ora diffusa in tutto il Sud America: mix composto da sale fino, cipolla, origano, aglio, prezzemolo, pepe nero e paprika dolce.

Soffriggere leggermente l'aglio spremuto e il cipollotto tagliato fine in un paio di cucchiai di olio, ammorbidendo poi il soffritto con un goccio di acqua al bisogno. Unire poi i pelati tagliati fini e salare col dado (per gli irriducibili a cui è altamente antipatica l'acidità del pomodoro si può aggiungere anche un pizzico di zucchero). Cuocere brevemente a fiamma media finchè la salsa si sia ritirata alla giusta consistenza. Lasciare intiepidire la salsa e poi unire il mix di spezie a piacere, assaggiando fino ad ottenere l'intensità desiderata.


L'immagine può contenere: testo

e vi risparmio la foto figa, sapete come sono, alla ricerca dell'effetto wow, mi sono messa li seguendo l'ispirazione artistica, ho fotografato … wow … e allo sviluppo non vi dico cosa è risultato, altro che bipedi piumati :-) sto ancora a chiedermi che ispirazione ho seguito :-)

lunedì 28 gennaio 2019

Il risotto di MTC S-COOL



Come sapete siamo a scuola, all'MTC S-COOL, siamo di nuovo a studiare per approfondire le basi della cucina.
Questo mese ci dedichiamo ai risotti con insegnanti d'eccezione come Giuliana e Greta.
Basic e per questo difficilissimo.
Fatto questo si ci poteva produrre in una versione creativa del risotto allo zafferano.
Quanti risotti abbiamo preparato, condiviso, analizzato nella nostra scuola virtuale!
Alla fine eccoci con la ricetta del più perfetto risotto che ci sia, quello delle nostre maestre, i nostri compiti a casa.
Spero di aver fatto bene, il tempo è sempre quello che è ma ad occhio potrebbe andare, altrimenti maestre rimedio, recupero, a casa mia sono tutti d'accordo, si presterebbero.
La mia versione creativa ve la consiglio, ho attinto in praticamente da tutti i corsi di cucina che ho fatto quest'anno, un po' qui, un po' lì, è uscita la ricetta che è da provare.

Il risotto alla parmigiana di Giuliana

Per 4 persone
400 g di riso Carnaroli
1 l circa di brodo di carne
50 g di parmigiano reggiano
1 piccola cipolla
70 g di burro freddissimo, più una noce
un bicchiere di vino bianco a temperatura ambiente
poco sale

Tritate finemente a coltello la cipolla e preparate il soffritto mettendola a rosolare in una piccola padella con la noce di burro. Lasciatela cuocere mescolando e facendo attenzione che non brunisca. Tenete da parte.
Portate a ebollizione leggera il brodo.
In una larga casseruola, di rame o di alluminio anodizzato, a fuoco medio-alto, fondete 20 grammi del burro previsto. Quando inizia ad essere spumeggiante versate il riso nella pentola, mescolate continuamente fino a quando il riso “canterà” e diventerà opalescente, translucido.
Ora sfumate con il vino, mescolate fino a completa evaporazione dell’alcol poi iniziate la cottura aggiungendo poco brodo bollente per volta, continuando a mescolare.
A questo punto unite anche il soffritto preparato in precedenza e continuate così, aggiungendo brodo man mano che viene assorbito.
Assaggiate per controllare la cottura e modulare l’aggiunta di liquido, tenendo presente che il risotto dovrà riposare per essere mantecato e che comunque, per effetto del calore residuo, continuerà a cuocere. Una volta pronto spegnete il fuoco, spostate la casseruola dal fornello, regolate di sale e iniziate a mantecare aggiungendo il parmigiano reggiano grattugiato e il burro rimasto, freddissimo.
Mescolate con energia e allo stesso tempo scuotete la casseruola imprimendole un movimento avanti-indietro. Continuate fino a quando il riso sarà diventato cremoso e morbido.
Servite subito.



Sotto le querce
Risotto alla zucca e zafferano mantecato con burro alle castagne con funghi freschi e secchi e polvere di porcini

Per 4 persone

per il risotto
400 g di riso Carnaroli
200 g di zucca già pulita
1 l circa di brodo di verdura
zafferano
50 g di parmigiano reggiano
1 piccola cipolla
112 g di burro di castagne freddissimo
20 g di burro più una noce
un bicchiere di vino bianco a temperatura ambiente
sale

per completare
200 g di funghi pioppini
aglio
olio extravergine
sale
pochissimo prezzemolo


100 g di funghi porcini
sale
olio

Tagliate a fettine sottilissime i funghi porcini. Sistemateli su una teglia protetta da carta forno, conditeli con sale e olio, poco, e lasciateli ad essiccare in forno con sportello leggermente aperto a 80° per circa 2 ore, anche meno, o di più, dipende dal forno, al termine devono risultare croccanti come delle chips.
Riducete in polvere parte dei funghi essiccati tritandoli in un mixer da cucina.
Preparate il burro di castagne amalgamando 125 g. di castagne cotte al forno a 220° per 20 – 25 minuti, raffreddate, sbucciate e tritate finemente a 100 g di burro morbido. Formate un panetto e trasferite in frigo.
Utilizzate il burro nelle dosi indicate, la restante parte troverà sicuramente un impiego adeguato.
Sistemate la zucca tagliata a cubetti su  foglio di carta forno, salate leggermente, chiudete a mò di cartoccio, cuocete in forno a 220° fino a che non risulterà tenera. Trasferite in un colino in modo che perda tutta l'acqua in eccesso, dipende dalla zucca.
Saltate velocemente in padella i funghi prataioli con aglio, olio e un odore di prezzemolo, salateli, mettete da parte.
Preparate il risotto
Tritate finemente a coltello la cipolla e preparate il soffritto mettendola a rosolare in una piccola padella con la noce di burro. Lasciatela cuocere mescolando e facendo attenzione che non brunisca. Tenete da parte.
Portate a ebollizione leggera il brodo, sciogliete lo zafferano nel brodo.
In una larga casseruola, di rame o di alluminio anodizzato, a fuoco medio-alto, fondete 20 grammi di burro. Quando inizia ad essere spumeggiante versate il riso nella pentola, mescolate continuamente fino a quando il riso “canterà” e diventerà opalescente, translucido.
Sfumate con il vino, mescolate fino a completa evaporazione dell’alcol poi iniziate la cottura aggiungendo poco brodo bollente per volta, continuando a mescolare.
A questo punto unite anche il soffritto preparato in precedenza continuate così, aggiungendo brodo man mano che viene assorbito.
Assaggiate per controllare la cottura e modulare l’aggiunta di liquido, tenendo presente che il risotto dovrà riposare per essere mantecato e che comunque, per effetto del calore residuo, continuerà a cuocere. A metà cottura unite i cubetti di zucca e continuate. Una volta pronto spegnete il fuoco, spostate la casseruola dal fornello, regolate di sale e iniziate a mantecare aggiungendo il parmigiano reggiano grattugiato e i 125 g di burro di castagne, freddissimo.
Mescolate con energia e allo stesso tempo scuotete la casseruola imprimendole un movimento avanti-indietro. Continuate fino a quando il riso sarà diventato cremoso e morbido.
Impiattate completando con i funghi saltati quelli essiccati e una spolverata di polvere di porcini.
Servite subito.

https://www.mtchallenge.it/2019/01/05/mtc-s-cool-il-risotto/

domenica 27 gennaio 2019

Il mio caramelized fennel and heritage carrots with fresh oranges and lemony herb dressing per il Club del 27


Eccoci ad un un nuovo appuntamento con il Club del 27.
Proud to be a member

Questo mese ci cimentiamo nella cottura in teglia, rigorosamente in forno.
Piatti unici, dolci e persino insalate cotte e possibilmente servite in teglia dall'inconfondibile tocco USA tutti provati, preparati e assaggiati dalle spericolate socie del Club del 27. Braves only!
In questo periodo sto tentando di tenermi leggera così ho scelto un'insalata di finocchi e carote ma caramellati e serviti con un particolarissimo dressing agrumato.
Un'insolita insalata agrodolce, piacevole e consigliatissima.
Ma non perdete nessuna delle ricette del nostro Club del 27, le trovate tutte qui.
Con la tessera n° 37 anche questo mese partecipo al Club del 27


Ingredienti per 4 persone

2 bulbi di finocchio
600 g di Carote arcobaleno
4-5 cucchiai di olio d'oliva
succo di 1 limone
2 cucchiaini di zucchero semolato
4 arance succose
sale
pepe nero macinato fresco

per il condimento
100 ml più 1 cucchiaio di olio d'oliva
scorza e succo di 1 limone
1 cucchiaino di zucchero semolato
una grande manciata di erbe miste tritate (prezzemolo, coriandolo, aneto, erba cipollina, ecc.)


Preriscaldate il forno a 190 °, pulite i bulbi di finocchio, quindi divideteli a metà, dalla radice alla punta. Tagliate ciascuna metà in tre o quattro fette. Tagliate le carote a metà o in quarti lungo la loro lunghezza, a seconda delle dimensioni delle carote.
Sistemate le verdure in una teglia. Irrorate con l'olio e il succo di limone e spolverate con lo zucchero.
Cuocete in forno già a temperatura per circa 25-30 minuti, fino a quando le verdure saranno morbide e leggermente arrostite ai bordi.
Nel frattempo sbucciate le arance e tagliatele a fette sottili conditele con un'emulsione di olio, succo di limone e zucchero, completate con sale e pepe.
Sfornate le verdure e trasferitele in un piatto da portata, unite le arance, spolverate con le erbe aromatiche tritate e servite.



giovedì 27 dicembre 2018

I miei pecan stuffed dates per il Club del 27




Get a party, siamo ancora in tempo per capodanno!
Questo mese il Club del 27 ha pensato di proporvi una selezione di ricette, facili, veloci, particolari ed appetitose per un ideale party di capodanno.
Siamo tutte impegnate in questi giorni, amiamo cucinare e accogliere con piacere i nostri cari anche con del buon cibo, però è giusto riservare del tempo anche per noi per rilassarci, farci belle ed accogliere senza ansia il 2019 che arriva.
Il nuovo anno non ci deve trovare senza fiato in una spirale di fretta, corse e confusioni varie, senza neppure una piega fresca e un filo di trucco, con la cucina ingombra di pentole, un immenso cenone da servire e solo voglia di dormire.
Giammai!!!
Charmant come sempre nel mio trucco cherry tra boccoli freschi e traboccanti, servirò i miei bite di capodanno serena e felice col sorriso del successo che risplende sulla fronte, come direbbe Elena Spagnol, perchè prima di tutto ho pensato a me!
Volete programmare con noi il vostro party di capodanno easy and free e sicuramente trendy?
Potete trovare le ricette tutte qui, solo su MAGaboutFOOD.
Intanto gustate con me questi insoliti ma buonissimi datteri ripieni, un bocconcino agrodolce che lascia la voglia di continuare il nostro new year's eve party … 
Con la tessera n. 37 anche questo mese partecipo al Club del 27.

Proud to be a member 

Ingredienti per circa 12 datteri grandi (24 piccoli)

2 cucchiai di olio d'oliva
1 scalogno tritato finemente
1 spicchio d'aglio schiacciato
50 g di pane grattugiato fresco
100 g di noci pecan tritate finemente
1 cucchiaio di foglie di timo tritate
50 ml di brodo vegetale o acqua
12 datteri grandi denocciolati
12 foglie di salvia

Scaldare l'olio in una padella, unire lo scalogno e un abbondante pizzico di sale e cuocere per 2-3 minuti fino a quando lo scalogno non si ammorbidisce, quindi aggiungere l'aglio, il pane grattugiato, le noci pecan e il timo e cuocere ancora 1 minuto. Al termine bagnare con il brodo o l'acqua, mescolare. Mettere da parte.
Aprire i datteri a metà facendo attenzione a non separarli completamente. Riempire i datteri con il composto messo a parte. Chiudere accostando leggermente le due metà. Completare con una foglia di salvia. Sistemare i datteri su una teglia protetta da carta forno che a questo punto possiamo sistemare tranquillamente in frigo anche fino al giorno dopo oppure cuocere direttamente come ci è più comodo.
Scaldare il forno a 160°, ventilato.
Spennellare i datteri con olio d'oliva, quindi infornare per 15-20 minuti fino a quando la salvia diventera croccante. Servire immediatamente.

La ricetta è di Elena Silcock

venerdì 14 dicembre 2018

Il nostro tour alla Fiera del Tartufo di Alba. I palazzi del Gusto. Palazzo Alfieri.




Prosegue il nostro reportage sulla partecipazione di MTChallenge alla fiera del tartufo bianco di Alba.


Dopo la mostra di Chagall, una chicca che l'Amministrazione Comunale di Asti ha voluto regalarci nel contesto di un'ospitalità accurata, perfetta e premurosa, siamo passati dalle meraviglie degustative in un percorso che ha coinvolto davvero tutti i nostri sensi.

Con ancora negli occhi immagini geniali, delicate, colorate, floreali di Chagall siamo state introdotte nella sala della mostra mercato, immerse nel tartufo, inebriate dal profumo intenso e poderoso che ci ha avvolto conducendoci direttamente allo showcooking condotto a due mani da due stelle Michelin Walter Ferretto, chef de Il Cascinale Nuovo e Andrea Ribaldone, chef dell'Osteria Arborina nonché volto familiare alle platee televisive del mezzogiorno.


La realizzazione del piatto, uno spettacolo nello spettacolo.
Introdotto e descritto da Andrea Ribaldone, Walter Ferretto si è prodotto nella realizzazione di un piatto eccezionale nella sua essenzialità.



Difficile ed insidioso come tutti i piatti “semplici”, il cardo gobbo di Nizza, acciughe ed uovo morbido, accompagnati da tartufo come se piovesse, ci ha travolto.

Come ogni piatto d'eccezione si racconta, non si rifà.

Ed ecco il cardo gobbo di nizza saltato, accompagnato da un'equilibrata salsa di aglio, acciughe e crema di latte, a ricordare una bagna cauda, uovo cotto a bassa temperatura, cialda di tartufo e tartufo, uno spettacolo sensoriale soprattutto quando accompagnato da un eccezionale barolo.


Tutto perfetto!

A completamento della serata la visita privata a palazzo Alfieri dove abbiamo potuto scoprire un Alfieri inconsueto e reale oltre il formalismo steriotipato dei nostri ricordi scolastici del Volli, e volli sempre, e fortissimamente volli che ora acquista in altro più intenso significato.

Io personalmente ricordavo un illuminista rigoroso e complessi gli argomenti di letteratura da studiare.
I racconti appassionati della nostra guida ci hanno restituitto l'immagine di un uomo energico e passionale, inquieto, libero, moderno, un giramondo, un intellettuale indipendente e aperto dalle intuizioni freudiane.
Questo ed altro trasmettevano negli occhi lucidi della nostra competente accompagnatrice che ripeteva con voce a tratti rotta le frasi iniziali dell'introduzione alla sua biografia.

Io perciò ingenuamente confesso, che allo stendere la mia propria vita inducevami, misto forse ad alcune altre ragioni, ma vie piú gagliardo d'ogni altra, l'amore di me medesimo: quel dono cioè, che la natura in maggiore o minor dose concede agli uomini tutti, ed in soverchia dose agli scrittori, principalissimamente poi ai poeti, od a quelli che tali si tengono. Ed è questo dono una preziosissima cosa; poiché da esso ogni alto operare dell'uomo proviene, allor quando all'amor di sé stesso congiunge una ragionata cognizione dei propri suoi mezzi, ed un illuminato trasporto pel vero ed bello, che non son se non uno.

Aggiungendo commossa “capite che uomo!”


Con questa appassionata lettura di Vittorio Alfieri oltre la storia e la letteratura studiata si chiude questa parte del nostro tour alla fiera del tartufo bianco di Alba dedicata ai “palazzi del Gusto”, il nostro movimentato soggiorno continua ….

La nostra simpatica combriccola alla Fiera del tartufo bianco di Alba




domenica 25 novembre 2018

La pasta di MTC S-COOL





Eccoci alla seconda lezione della scuola di cucina più figa che c'è: MTC S-COOL.
Prepariamo la pasta, un bel primo piatto fumante, confortevole, appetitoso e ben mantecato.
Perché la mantecatura, insieme alla cottura, è il cuore della preparazione di un buon piatto di pasta.
E ci vuole tecnica, applicazione e tanto olio di gomito :-)
Una volta imparato tutto si può mantecare, anzi si deve, non è possibile farne a meno :-)
La pasta cotta e corposa, soda ma cedevole, avvolta dal sottile, setoso, succulento lucido intingolo è solo poesia.

Ed abbiamo studiato, ci siamo applicate ed abbiamo mantecato.
L'esame prevedeva due prove.
La cacio e pepe.
La mantecatura di un piatto al sugo.

Se mantechi una cacio e pepe poi mantechi tutto, perchè dietro l'apparente semplicità del piatto, due soli ingredienti, si nasconde la summa delle tecniche di preparazione e della difficoltà culinaria. Non è facile trasformare del pecorino in un sugo cremoso, anche chi lo sa fare può sbaglare.
Ma non noi di MTC S-COOL perchè abbiamo insegnanti brave e preparate che ci hanno rivelato una ricetta infallibile.
Imparata quella mantechi tutto.
Nel mio caso poi ho mantecato un sugo di casa, chiamiamolo ragù, nonna lo chiamava genovese, non ho mai capito il perché

La cacio e pepe di Greta

per 4 persone

Attrezzatura:
una pentola capiente per bollire la pasta
Una padella per mantecare
Una bastardella d’acciaio
Una pinza
Una frusta

400 g di spaghetti
120 g di pecorino stagionato grattugiato fino
Pepe nero

Lessate la pasta in abbondante acqua poco salata. Mentre la pasta cuoce sciogliete il formaggio in una ciotola aiutandovi con una frusta, aggiungendo poca acqua per volta, fino ad ottenere una crema, tenete in caldo.


Tirate su la pasta 3 minuti prima del punto di dente e continuate la cottura nella padella con un filo d’olio, il pepe e abbastanza acqua per permettere la cottura. Fate riprendere calore sempre mescolando e agitando la pasta nell padella così da creare un’emulsione tra amidi e grasso, continuate fino ad arrivare a cottura. Fuori dal fuoco e lontano dal fornello caldo aggiungete velocemente la crema di pecorino, saltate la pasta velocemente e servite fumante, la cacio e pepe non può aspettare. Aggiungete un altro pizzico di pepe sul piatto prima di servire.


Il mio ragù di casa



per 4 persone

500 g di carne macinata mista tra manzo e maiale
350 g di passata di pomodoro
1 cipolla media
2 carote
un bel gambo di sedano
olio extravergine di oliva
sale 
½ bicchiere di vino bianco (o vermouth se volete provare)
parmigiano reggiano grattugiato

250 g di tripolini di Gragnano

olio extravergine di oliva

Tritate finemente la cipolla, le carote e il sedano, trasferite tutto in una capiente pentola e lasciate appassire in olio extravergine di oliva a fuoco medio.
Unite la carne, mescolate, aumentate leggermente la fiamma e lasciate insaporire per 5 minuti quindi aggiungete la passata di pomodoro, regolate di sale. A bollore riducete la fiamma a minimo e lasciate cuocere per circa 2 ore, il sugo deve inspessirsi dolcemente. A questo punto la nonna univa un mezzo bicchiere di vermouth e lasciava evaporare. So che è eretico ma lo faccio anch'io unendo però vino bianco. A cottura mettere da parte.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla molto al dente cioè 4 – 5 minuti prima dei quanto indicato sulla confezione. Usare una buona pasta di Gragnano ovviamente mi è stato utile a ciò.
Scolate la pasta con un mestolo forato direttamente nella padella già a fuoco medio alto, unire il sugo. Posizionate le pinze al centro della padella e cominciate a far roteare la padella in sendo orario in modo che la pasta contenuta giri intorno al perno centrale. Non staccare mai la padella dal fuoco, non abbassare mai la fiamma. Per i primi tre minuti, la pasta non deve galleggiare nel liquido, ma neanche asciugarsi troppo.
Un minuto prima della fine della cottura regolate il condimento, aggiungete un filo d’olio a crudo, mezzo mestolo d’acqua … quello che serve nel mio caso ho aggiunto il parmigiano. Poi si salta! spingete la pasta verso la testa della padella, quindi con un movimento secco, deciso all’indietro fatela riavvolgere su se stessa.
Servire subito
 43222163_10216838272936483_4177866241035206656_o

sabato 27 ottobre 2018

Il mio crumble autunnale con castagne e zucca per il Club del 27




Arrivo ansimante all'appuntamento del Club del 27, scusate il ritardo, braves only, ma non potevo mancare, l'amicizia è più forte di tutto.
Questo mese si cucinano castagne e che castagne, le più particolari e prelibate, tutte targate MTChallenge!
Non perdete nessuna delle ricette, una è più buona dell'altra, le trovate tutte qui.
Io ho preparato il crumble autunnale proposto da Nicol nella sfida n. 34 di MTC ma l'ho destrutturato, rendendolo un dessert al patto, devo decidermi a smettere di frequentare corsi di cucina :-)
Con la tessera n° 37 anche questo mese partecipo al Club del 27.

Proud to be a member

150g di zucca pulita
150g di castagne lessate
1 cucchiaino di miele del bosco
100g di farina integrale di farro
50 g di burro + una noce
50g di zucchero


Tagliare la zucca a cubetti piccolissimi (circa 5/6mm per lato) e farla saltare per circa 6/7 minuti in una padella con le castagne a pezzi, una noce di burro e un cucchiaino di miele del bosco.
Accendete il forno a 180°.
Per il crumble in una ciotola unite lo zucchero, il burro e la farina e lavorate velocemente il tutto con le mani fino ad ottenere un impasto sabbioso.
Stendere il crumble su una teglia protetta da carta da forno. In un'altra teglia sistemare il composto di zucca e castagne.
Infornate a 180° in forno già a temperatura per circa 20 minuti.
Sfornate, lasciate raffreddare leggermente.
Sistemare il composto di castagne e zucca in un piatto da portata spolverare con il crumble, decorare con castagne e fettine di zucca semicandita (fatte semplicemene bollire in uno sciroppo fatto con pari quantità di zucchero e acqua per 5 minuti, poi scolate)

banner_piovonocastagne