domenica 1 marzo 2015

Flan napolitano per l'abbecedario culinario mondiale

Buona domenica, con l'Abbecedario ci siamo spostati, anche se di poco.
Siamo in Messico, alla scoperta di una cucina, caliente, intensa e speziata, patrimonio dell'umanità, proprio come la nostra dieta mediterranea … così lontani, così vicini :-)
C'è tanto da vedere, da assaggiare … l'imbarazzo è nella scelta …. tra tortillas, tacos e guacamole mi imbatto, niente di meno che in un flan …. napolitano, una versione molto creamy del crème caramel, che scopro essere uno tra i più tradizionali dolci della cucina messicana. Come Napoli sia arrivata in Messico attraverso la Francia è un bell'enigma …. le radici della cucina sono proprio universali!!!!
Con questo post partecipo all'Abbecedario culinario mondiale che per il Messico è ospitato dal blog Torta di rose.


150 g. di zucchero
qualche goccia di succo di limone
4 uova
1 lattina di latte condensato zuccherato
245 g. di latte intero
190 g. di formaggio spalmabile tipo philadelphia
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
 
In una capiente padella dal fondo spesso caramellare lo zucchero con qualche goccia di succo di limone a fuoco medio – alto, non mescolare ma muovere di tanto in tanto la padella fino a quando il caramello non avrà assunto un bel colore ambrato.
Rimuovere immediatamente dal fuoco per evitare che il caramello possa scurirsi troppo o bruciare.
Versare il caramello in uno stampo per ciambelle di 22 cm di diametro.
Lasciare raffreddare e indurire.
Nel frattempo preparare il flan mescolando rapidamente, nel mixer o in un frullatore, il formaggio spalmabile, le uova, l'estratto di vaniglia, il latte condensato e quello intero. Fino ad ottenere un composto fine ed omogeneo.
Versare il composto nello stampo sul caramello che inizierà a crepitare. Coprire lo stampo con carta alluminio.
Cuocere a bagnomaria in forno ventilato già a temperatura a 180° per circa 1 ora e 1/2 o, comunque, fino a cottura. Il flan dovrà risultare morbido ma rappreso.
Lasciare raffreddare per qualche ora a temperatura ambiente, quindi trasferire in frigo ancora qualche ora.
Riportare a temperatura ambiente e sformare.
Se il flan dovesse avere difficoltà a staccarsi immergere per qualche minuto il fondo dello stampo in acqua calda.



 

28 commenti:

  1. Buonissimo..sembra un creme-caramel.
    Da Campana non lo conoscevo.
    Brava.
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anch'io sono campana e non mi spiego come mai la versione messicana del crème caramel si chiami flan napolitano, che c'entra Napoli? i percorsi della cucina alle volte sono misteriosi :-)
      Buona serata, a presto ....

      Elimina
  2. sconosciuto ma moooolto intrigante...aspetto l'invito a provarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quando vuoi carissima ..... prossima volta che ci vediamo .... ogni promessa è debito :-)
      Ciao, a presto ....

      Elimina
  3. ciao Anisja, come stai? che buono questo dolce, una meraviglia!!!!complimenti!
    un bacione e buona giornata:)simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, e tu?
      Grazie, sei sempre tanto gentile!!!ù
      Buona serata, a presto ....

      Elimina
  4. Non lo conoscevo, dall'aspetto assomiglia un po' ad fior di latte emiliano/romagnolo, ma lontanissimi gli ingredienti, per cui grazie per avermelo fatto conoscere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te per essere passata da me, a presto ....

      Elimina
  5. Da rifare, deve essere squisito!!!|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero consigliato!!!
      Grazie per essere passata da me, corro a dare un'occhiata alle tue delizie messicane, a presto ....

      Elimina
  6. Da rifare, deve essere squisito!!!|

    RispondiElimina
  7. Molto molto buono bravissima buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Edvige, sei troppo gentile!!!
      Buona serata, a presto ....

      Elimina
  8. da fare,interessantissimo,ma ho capito bene è un flan messicano-napoletano,che strano connubio,ecco forse perchè mi ha attivato le papille gustative,brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, gentilissima!!!!
      Si, davvero, è un flan messicano chiamato napolitano ma da dove sia originato l'appellativo è un mistero mentre è chiarissima la sua bonta :-)
      Buona serata, a presto ...

      Elimina
  9. Mai assaggiato ma l'aspetto è troppo goloso :)
    Complimenti cara e felice inizio settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te zia Consu, grazie per essere passata da me, a presto ....

      Elimina
  10. Mi piace moltissimo!!!
    Grazie mille per la bella ricetta Anisja!!
    Un caro abbraccio e buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la visita, buona serata, a presto ....

      Elimina
  11. Che bontà!!! Bellissima ricetta ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei troppo gentile!!!
      A presto ...

      Elimina
  12. De verlo se me esta haciendo agua en la boca.. pero que bueno!!! tiene que estar, lo voy ha hacer a tu manera.
    Besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Alicia , gracias por venir en mi cocina, eres demasiado amable !!!
      Un abrazo , hasta pronto ....

      Elimina
  13. Ciao Anisja, il tuo dolce ha un aspetto fantastico, non lo conoscevo, ma poichè adoro il crème caramel penso che questo flan mi possa piacere ancora di più. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei molto gentile,
      Il Flan ha un sapore diverso dal crème caramel, comunque buonissimo, da provare!
      A presto ...

      Elimina
  14. Davvero curioso questo dolce...mi attira moltissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, particolarissimo, nel nome, negli ingredienti, nella presentazione un pò come la maggior perte dei dolci sud americani :-)
      Ciao, a presto ....

      Elimina
  15. Che bontà!Mi piace molto il crème caramel ed anche questa versione messicana :)

    RispondiElimina