domenica 27 settembre 2015

Arroz con cilantro y limon e pinchos de camaron per l'abbecedario culinario mondiale


 Eccoci ad un nuovo appuntamento con l'abbecedario culinario mondiale, l'allegra comitiva di fornelli itineranti è già da un po' in Ecuador alla scoperta di una cucina coloratissima, aromatica e, insospettabilmente, almeno per me, ricca e golosa.
Quante ricette, tutte coinvolgenti, intriganti e appetitose …. davvero l'imbarazzo della scelta dall'antipasto al dolce!
In tanta incertezza …. quasi perdevo la tappa :-)
Alla fine sono approdata anch'io in Ecuador con questo magnifico piatto unico, ideale per la stagione calda, completo e leggero, un tripudio di sapori, proprio difficile da dimenticare!
Con questo post partecipo all'abbecedario culinario mondiale che per l'Ecuador è ospitato dal blog Ricette di cultura.

Per il riso cotto
2 tazze di riso (io ho usato il ribe)
2 cucchiai di olio o burro
2 cucchiai di cipolle bianche tritate finemente
1 spicchio d'aglio,
2 ½ tazze di acqua, regolare sulla base di altitudine
Sale qb
Per il riso al coriandolo e lime:
6 tazze di riso cotto
1 mazzetto di coriandolo tritato
il succo di 1 o 2 lime (secondo i gusti)

In una pentola di medie dimensioni scaldare l'olio (o il burro) a fuoco medio – basso, aggiungere la cipolla tritata e l'aglio, lasciare cuocere per 2 – 3 minuti le cipolle dovranno essere trasparenti e morbide. Unire il riso crudo, mescolare fino a quando non sarà ben rivestito dall'olio quindi aggiungere l'acqua, salare e portare ad ebollizione, continuare la cottura a pentola scoperta. Quando l'acqua coprirà a malapena il riso, coprire con un coperchio e ridurre la temperatura.
Cuocere a fuoco lento per circa 20-25 minuti.
Il riso dovrà risultare completamente cotto, ma sodo e non appiccicoso.
Questo procedimento di cottura preserva la struttura e la consistenza del riso restituendolo straordinariamente sodo, quasi fosse “al dente”.
Lasciare raffreddare.
Mescolare il riso con il coriandolo e succo di lime, assaggiare e aggiustate di sale se necessario.

Pinchos de camaron
½ tazza di rum
1 kg. di gamberi
¼ di tazza di miele
1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato

Lavare e sgusciare i gamberi, sistemarli sugli spiedini.
Mescolare il rum con il miele e lo zenzero, versare sugli spiedini.
Lasciare marinare per una o due ore girando gli spiedini di tanto in tanto.
Grigliare.

Le ricette sono prese qui e qui

L'Abbecedario Culinario Mondiale!

20 commenti:

  1. che buono Anisja....ottimo, buonissimo!
    buona serata simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, grazie, gentilissima!
      Buona serata, un abbraccio.
      A presto ....

      Elimina
  2. Un piatto che mi ha subito conquistata con i suoi solari colori e, dopo aver letto la ricetta, mi fa sbavare all'idea del sapore :-P
    Bravissima e buon inizio settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao zia Consu, bentornata, belle le vacanze? ora si riprende :-) grazie per essere passata a trovarmi, a presto ...

      Elimina
  3. Molto interessamente come accostamenti. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... ed è anche leggera e salutare, potresti provala senza problemi :-)
      Buona serata, a presto ....

      Elimina
  4. Gnam gnam, sembra delizioso!!!
    A presto,
    Ale
    http://www.golosedelizie.com/2015/09/pesto-di-pomodori-secchi-e-noci.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero buono :-)
      Ciao Ale, a presto ...

      Elimina
  5. Che bel piatto, solo a guardarlo mi ha fatto venire l'acquolina in bocca!
    Mi piace molto, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabry sei troppo gentile!
      Buona serata, a presto ....

      Elimina
  6. che meraviglia, sapori unici, colori fantastici, mi sta venendo fame!!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina, grazie per essere passata a trovarmi, a presto ....

      Elimina
  7. Ciao Ani, che buono questo piatto, mi interessa la cottura del riso, ci proverò senz'altro. E quei gamberetti poi sono deliziosi. Ma non mi ero accorta che avevi cambiato il vestitino del blog, è molto bello così chiaro e luminoso, mi piace molto! E sai cosa mi piace anche tantissimo? il sarchiapone dell'altro post!!! Bacioni cara, a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. estremamente insolito ... inizia quasi come un risotto ma si differenzia subito per le modalità di aggiunta dei liquidi e i tempi si cottura (che in base all'altitudine possono allungarsi a dismisura). Il risultato finale è sorprendente chicchi ben separati, sodi e consistenti ma cotti che si mantengono piacevolmente e a lungo. La ricetta di Laylita è perfetta.
      Sono contenta che ti piaccia la nuova veste che sto cercando di dare al blog ... quando si cambia si ha paura di sbagliare, ci sto lavorando piano piano :-)
      Buono il sarchiapone! in Liguria si usa la zucchetta? qui in Campania è abbastanza diffusa, a casa mia la prepariamo spesso, almeno finché c'è, ma in versione più light , a zuppetta :-)
      Buona serata, un abbraccio, a presto ...

      Elimina
  8. che bontà! adoro questi piatti dai sapori particolari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ed è anche semplice e leggero ... avresti dovuto assaggiare :-)
      Buona serata, a presto ....

      Elimina
  9. Una receta exquisita!! y muy bien presentada.
    Un abrazo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alicia, grazie, sei sempre troppo gentile! buona serata, a presto ....

      Elimina
  10. Risposte
    1. Ciao Daniela, grazie per essere passata a trovarmi, a presto ....

      Elimina