lunedì 21 ottobre 2013

Burek



Il börek è un piatto tradizionale della cucina turca, diffuso, però, anche in tutti i paesi che nel tempo hanno subito l'influenza ottomana, ed, in particolare, nei paesi slavi.
In Slovenia questa sorta di torta rustica, denominata burek, si trova abitualmente nelle panetterie e viene consumato come fast food ma, soprattutto, è comunemente preparato in casa.
Il burek può essere preparato semplicemente sovrapponendo, nella teglia, gli strati di sfoglia unti di olio o margarina o burro ed intervallandoli con il ripieno. Nella versione più elaborata l'impasto viene arrotolato sul ripieno ottenendo un cilindro, poi tagliato a pezzi a mò di sigaro o arrotolato a spirale.
Mi sono accostata a questa ricetta non senza numerosi tentennamenti, da un lato la tentazione di provare il burek, e nella versione più elaborata, era forte, dall'altro, altrettanto forte, il timore di trovarmi impelagata nella stesura a mano di una pasta tipo fillo che nella migliore ipotesi avrebbe avvolto la mia cucina e nella peggiore si sarebbe squarciata sul più bello.
Poi mi sono decisa … è stato facilissimo!!! la pasta si stende e si assottiglia che è una meraviglia, la formatura è semplicissima … insomma ho trovato un tutorial molto esplicativo e mi sono lanciata nell'impresa :-)
Quanto al ripieno, per la tipologia di torta rustica occorre che sia piuttosto asciutto, tritato o tagliato sottilmente, e, soprattutto, non troppo abbondante e ripartito in maniera in maniera equilibrata.
Per il primo assaggio ho preferito il ripieno al formaggio ma la scelta è amplissima ragù di carne, verdure e formaggio, patate e salsiccia …. a noi è piaciuto moltissimo abbiamo già in programma la versione al ragù :-)
Con questo post partecipo all'iniziativa Abbecedario Culinario della Comunità Europea che, per la Slovenia, è ospitato è ospitato dal blog Tutto a Occhio.

500 g. di farina 00
300 g. di acqua
1 cucchiaino raso di sale (5 g.)

500 g. di feta (se si sceglie un'altro tipo di formaggio meno sapido, aggiustare di sale)

olio extravergine di oliva

Nel kenwood, vel. 1 – 2, frusta K, impastare farina, acqua e sale per circa 5 minuti. Dovrà risultare un composto consistente ma morbido. Formare due panetti, ungerli delicatamente e leggermente con olio, coprire con plastica trasparente a contatto, proteggere con una ciotola posta a campana.
Lasciare riposare per 30 minuti.
Nel frattempo tagliare la feta a pezzettini.
Su un'ampia spianatoia infarinata (o il piano di un tavolo) stendere il primo panetto, cercando di allargarlo ed allungarlo i maniera equilibrata. Continuare ad allargare e allungare il panetto con le mani iniziando dai bordi stenderli e assottigliarli tirandoli da sotto, poi passare alla parte centrale con dei movimenti dal centro verso l'esterno, sempre tirando da sotto la sfoglia con le mani. L'impasto è molto elastico, se l'operazione viene fatta con attenzione si stende e si assottiglia senza strapparsi.
Pennellare leggermente la sfoglia di olio.
Disporre il ripieno lungo il perimetro della sfoglia, a qualche centimetro dal bordo. Allungare la pasta rimasta libera sul bordo sul ripieno, arrotolare.
Continuare ad arrotolare la pasta verso il centro da entrambi i lati, cercando di disporla quanto più possibile in verticale davanti a sé.
Quando i due margini arrotolati saranno vicini tagliare la pasta che resta nel mezzo e chiudere i rotoli. Questo video è particolarmente esplicativo.  
Arrotolare il cilindro così ottenuto a spirale, pennellare con olio, Trasferire in una teglia da forno protetta da carta da forno.
Procedere allo stesso modo col secondo panetto.
Cuocere in forno statico già a temperatura a 240° per 20 minuti, avendo cura di ruotare la teglia a metà cottura.
Servire caldo.

32 commenti:

  1. Bravissima e complimenti! Con le belle foto che hai messo è tutto molto chiaro! Grazie!

    RispondiElimina
  2. Follow back on GFC, Bloglovin and Google+

    RispondiElimina
  3. O_O ma è stupendo, complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  4. ma che buono, e che belle foto...bravissima!!!!baci baci

    RispondiElimina
  5. Ciao Anisja, non conoscevo questa ricetta, mi incurisosce molto. Le spiegazioni sono perfette e chiarissime. Grazie!

    RispondiElimina
  6. Stupendo! non l'avevo mai sentito! bravissima! Qui scopro sempre tante cose nuove! complimenti!

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vitti, mi dispiace, non so come sia successo, non ho eliminato il tuo commento che ho trovato tanto carino e gentile. Un mistero!!! scusami!!!

      Elimina
  8. Complimenti x questa perfetta esecuzione! Deve essere buonissima!
    la zia Consu

    RispondiElimina
  9. Non ho mai sentito parlare di questa ricetta. L'esecuzione sembra un pò elaborata ma si può provare. Tu naturalmente sei stata bravissima e ti è venuta perfetta!

    RispondiElimina
  10. Ciao Ani, avevo visto questa ricetta ma non avevo assolutamente capito come si dovesse montare. Invece è facile e scenografico, grazie delle immagini che hai postato, ora potrò rifarlo. Un bacione a presto

    RispondiElimina
  11. ma che bella questa ricetta certo che la pasta tirata così deve essere molto elastica... complimenti per la scelta e per il risultato, ! sei bravissima e quel video è stato illuminante!!! Complimenti!

    RispondiElimina
  12. Oh, wow, sembra fantastica :O_
    Solo non amo molto il gusto della feta, mi chiedo se con lo stracchino verrebbe ugualmente bene...
    Grazie per le tue deliziose ricette!

    RispondiElimina
  13. Super novità per me, non l'ho mai mangiato e mi hai incuriosita, magari lo preparo ad un mio prossimo bouffet. Baci, a presto

    RispondiElimina
  14. Che bello… Non lo conoscevo. Baci

    RispondiElimina
  15. Una vera delizia, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  16. Me parece una receta interesante !!
    Besos guapa.

    RispondiElimina
  17. Che bella proposta!! Sembra complicato ma se dici che alla fine si riesce bisogna proprio provarci!!!

    RispondiElimina
  18. Sei molto brava! Complimenti!
    Buon we
    Annalisa

    RispondiElimina
  19. Hai fatto bene a lanciarti e provare, vedi che risultato che hai ottenuto! Sono le soddisfazioni maggiori ;-) e più belle in cucina.
    Mi piace un sacco tutto di come è fatto e approvo alla grande la scelta del ripieno con il formaggio.

    RispondiElimina
  20. Splendida ricetta, bravissima!!! Un bacione

    RispondiElimina
  21. deve essere la fine del mondoooooooooooooooo

    RispondiElimina
  22. Assolutamente perfetto, Anisja! Incantevole a vedersi, soffice e ottimo da gustare!

    RispondiElimina
  23. che bella ricetta! mi ispira molto e per di più adoro la feta e trovo che sia un ripieno buonissimo!
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
  24. Deve essere buonissimo Anisja e poi è davvero molto bello da vedere!!!
    Sempre ottime proposte qui da te!!!
    Un bacione e buon weekend
    Carmen

    RispondiElimina
  25. Io non lo conoscevo, bello da vedere e chissà che bontà!
    Buona domenica :)

    RispondiElimina
  26. Grazie per aver partecipato anche a questa tappa! Il nostro viaggio continua grazie a chi come te partecipa e non si dimentica di prendere la valigia e fare un po' di strada con noi :-)
    Il resoconto di questa tappa è qui: http://abcincucina.blogspot.com.es/2013/10/n-come-njoki.html...e ora...Estonia!
    Ciaoooo
    Aiu'

    RispondiElimina