domenica 12 giugno 2016

Quanti modi di fare e rifare pane e panelle


Buon giorno ci ritroviamo anche questa domenica con l'appuntamento dei QUANTI.
La Cuochina ci porta in Sicilia passando per Roma, nella cucina di Silvia, prepareremo con lei pane e panelle, un classico dello street food siciliano che la nostra Silvia, al ritorno dalle vacanze, è riuscita a replicare, perfettamente uguale, tanto era forte la nostalgia!
Tutte noi, appassionate di cibo, torniamo dalle vacanze con qualche souvenir culinario, magari piccolissimo, un prodotto, un ingrediente, una spezia, una ricetta, da tenere ben stretto … attenzione i ricordi scappano via …
Oggi rinnoveremo i ricordi, rifaremo pane e panelle!
 

Grazie alla Cuochina per la scelta ancora una volta indovinata che ci ha permesso di scoprire questa delizia e grazie a Silvia per la ricetta.
Un po' meno ringrazia la dieta :-) perché ora che abbiamo imparato a fare pane e panelle il difficile è smettere :-)
Ancora una volta ... quante cose impariamo con la Cuochina!


Ed infine grazie alle carissime apine che ci hanno fatto un regalo prezioso <3
purtroppo non sono riuscita a preparare un dolce per onorare degnamente questo bellissimo portatorta, un fiorellino, però ve lo voglio dedicare., uno per ogni apina :-)
Grazie di cuore apine :-)


per i panini siciliani delle sorelle Simili

350 g. di farina si semola di grano duro
150 g. di farina manitoba
300 g. di acqua, circa
10 g. di lievito di birra
10 g. di sale
2 cucchiai di olio di oliva
1 cucchiaio raso di malto d'orzo
semi di sesamo

Sciogliere il lievito in 250 g. di acqua.
Sistemare le due farine l'olio e il malto nella ciotola della planetaria, unire l'acqua con il lievito. Impastare con la frusta a gancio, dapprima con una velocità più bassa, 1, per amalgamare gli ingredienti, unire il sale, valutare l'opportunità di unire gli altri 50 g. di acqua ( nel mio caso, con le farine che ho usato, ci sono voluti) continuare l'impasto a velocità 2 per 10 minuti, quindi a velocità 3 per tre minuti.
Trasferire il composto sulla spianatoia continuando a lavorarlo e a batterlo per qualche minuto per completare l'incordatura.
Sistemare l'impasto in una ciotola unta di olio dai bordi alti, coprire a campana, lievitare in luogo caldo, in questo periodo a temperatura ambiente per circa un'ora e, comunque fino al raddoppio.
Al termine riprendere l'impasto e lavorarlo nuovamente, prelevare dei pezzetti di circa 50 g. formare delle palline. Io ho usato la tecnica dell'arrotondamento sui palmi facendo però attenzione a non stringere troppo per evitare la formazione di bolle.
Pennellare delicatamente i panini con acqua, spolverare con i semi di sesamo facendoli ben aderire sulla superficie.
Sistemare i panini su una teglia protetta da carta da forno. Lasciare lievitare al caldo per circa un'ora, devono raddoppiare ma non sformarsi.
Cuocere in forno statico già a temperatura a 210° per circa 10 minuti ruotando la teglia a metà cottura.

per le panelle

250 g. di farina di ceci
750 g. di acqua
5 g. di sale
prezzemolo
rosmarino
pepe
olio extravergine di oliva

Sistemare la farina di ceci in una capiente pentola, unire poco alla volta l'acqua fredda mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi unire il sale e il pepe.
Cuocere a fiamma media mescolando continuamente, continuare la cottura per almeno 10 minuti dopo l'inizio dell'ebollizione sempre mescolando per evitare la formazione di grumi. A fine cottura unire il prezzemolo e il rosmarino tritati, amalgamare bene.
Stendere subito e velocemente il composto su una teglia protetta da carta da forno (si rafferedda e indurisce subito) livellando fino ad uno spessore di 2 -3 mm circa.
Lasciare asciugare per qualche ora, anche un'intera notte, a temperatura ambiente.
Tagliare le panelle nella forma prescelta, rombi, quadrati, rettangoli …
Friggere le panelle in olio a temperatura facendole dorare da entrambi i lati. Trasferire su carta assorbente.
Tagliare i panini a metà e farcire ognuno con le panelle e, volendo, con una fettina di limone. 


  
Il prossimo mese siamo da Daniela rifaremo il suo Scarpazzoun

http://ristorantedainonni.blogspot.it/2014/11/erbazzone-ovvero-scarpazzoun-alla.html


LA NOSTRA CUOCHINA

8 commenti:

  1. Buongiorno carissima Anisja!
    Oggi con Silvia abbiamo fatto una bellissima immersione nell'atmosfera siciliana. E, anche se virtualmente, è stato fantastico preparare e addentare uno dei più conosciuti street food della Sicilia, "Pane e Panelle". Cuochina, Anna e Ornella, ti ringraziano per la tua golosissima versione.

    Ti aspettiamo il prossimo 10 luglio da Daniela per preparare tutte insieme: Scarpazzoun! Alla prossima!!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, difficile smettere, anche il tuo pane e panelle deve essere squisito, alla prossima!

    RispondiElimina
  3. invitante anche il tuo panino,buona domenica

    RispondiElimina
  4. O_O che meraviglia, da leccarsi i baffi! ciao ^_^

    RispondiElimina
  5. che bontà, mi è venuta voglia di rifarli presto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. Ti chiami Anna come me??? Ci volevano le Apine a svelarmelo :D
    Bellissimi i tuoi panini, e come sempre splendide le foto. Complimenti ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e quante Anne nei QUANTI :-) abbiamo anche una Cuochina tra noi!
      Anisja è un'aspirazione, Anna la realtà :-)

      Elimina
  7. Hai pienamente ragione, quante belle ricetta abbiamo scoperto con l' iniziativa della Cuochina!
    Buonissimi i tuoi panini con le panelle!
    Alla prossima!

    RispondiElimina