martedì 7 giugno 2016

L'insalata russa alla maniera di Petronilla


Strani ed articolati sono i percorsi della storia quanto quelli cucina.
Si da il caso che sia diffusa in tutto il mondo un'insalata di verdure e ortaggi, fondamentalmente a base di patate, che in Italia chiamiamo insalata russa, in Spagna è denominata insalata imperiale, in Germania e Danimarca insalata italiana, in Russia insalata Oliver, come il cuoco francese che la introdusse alla fine dell'800, mentre in Francia è conosciuta anche come insalata piemontese.
Un bel mistero!
Quali siano le sue origini, di certo l'insalata russa è un piatto della cucina italiana noto e diffuso almeno dalla seconda metà dell'800.
Il Re dei Cuochi, già dalla prima edizione (1868) annovera tra i piatti a base di uova un'insalata alla russa, che successivamente, è inserita nei principali ricettari della cucina italiana del primo '900, La scienza in cucina e l'arte di mangiare bene e Il talismano della felicità.
E Petronilla?
Attenta com'era alla salute delle sue “amichette” e delle loro famiglie proponeva un'insalata russa economica e spiccia, piena piena di verdure, quasi un espediente per convincere anche i ragazzi più riottosi a mangiarne, che però è poteva, all'occorrenza, trasformarsi in una pietanza sopraffina.
Scopriamo l'insalata russa economica e spiccia di Petronilla …...

Con questo post partecipo alla Giornata Nazionale dell'Insalata Russa del Calendario del Cibo Italiano AIFB. Nell'articolo sella nostra ambasciatrice Serena Bringheli molto di più sull'insalata russa e sulla sua sua storia e, sicuramente, una buonissima ricetta.

Ora gustiamoci Petronilla

Quando preparo, per pranzo, una minestra molto ghiotta, una minestra cioè di pasta impastata dalle mie mani con farina e uova, e condita poi con molto burro, molto formaggio, molta carne, e persino con molti funghi (e magari anche coperta con salsa besciamella), allora la faccio sempre seguire da un piatto di verdura, giacchè io sto sempre bene all’erta di non favorire l’entrata della gotta in casa mia. Un piatto che faccio spesso in tali liete evenienze, e specialmente d’inverno, è quello dell’insalata russa, della quale va matto il maggiore dei miei ragazzi.
***
Per farlo alla casalinga, cioè all’economica e alla spiccia, lesso separatamente due o tre patate, cinque o sei carote, un cavolfiore, e (se li trovo sul mercato ad un prezzo non esagerato) un paio di zucchette, un pizzico di fagiolini verdi, una piccola manciata di fagioli freschi, e un’altra di piselli. Scolo ben bene; levo la pelle alle patate; raschio le carote; taglio tutto in piccoli pezzi (delle carote cerco di fare tanti piccoli cubetti); metto nell’insalatiera; aggiungo olio, aceto, sale, pepe, un mezzo cucchiaino di senape e, se ne ho in casa, qualche cappero e qualche acciuga sminuzzata. Mescolo poi ben bene, ricordando come ogni insalata, per riuscire perfetta, debba “da un pazzo esser rimescolata” e, – fatta una salsa maionese con due torli, mezza ampolla d’olio e il succo di due limoni, – la verso sulle verdfure; rimescolo; e… la mia insalata russa, sempre nutriente, è pronta.
***
Se però voi voleste fare una insalata russa sopraffina, tutta unita, consistente, che serva da piatto di portata, e che sia degna sorella di quelle che espongono nelle loro vetrine i salumieri di lusso… Andate da un lattoniere; ditegli di prepararvi, con una listerella di latta alta 5-6 centimetri, uno stampo senza fondi; un cerchio, cioè, che abbia le dimensioni dell’interno di un vostro piatto da portata;… vi insegnerò poi la mia maniera di preparare una insalata russa degna di fare la sua comparsa, quale piatto di mezzo, persino in un pranzo.
Attendo dunque che mi diciate: “Lo stampo è fatto!”…

Carissima, me lo sto procurando, appena lo stampo sarà fatto, proveremo anche la pietanza sopraffina :-)



La ricetta di Petronilla è presa qui

Per il post mi sono documentata: 
https://it.wikipedia.org/wiki/Insalata_russa
http://www.academiabarilla.it/adv/libro/cuochi/1.aspx
https://books.google.it/books?id=dWX5Ml8bNFUC&printsec=frontcover&hl=it#v=onepage&q&f=false

 http://www.aifb.it/calendario-del-cibo/


19 commenti:

  1. Meravigliosa buonissima e gustosissima! Brava! Bacione Mirta

    RispondiElimina
  2. Anna cara, questo piatto lo conosci bene e hai saputo interpretarlo con una ricetta alla portata di tutti come solo Petronilla sapeva fare, sarà sicuramente buona quanto appare bella. Grazie del tuo contributo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Serena per l'ospitalità :-)

      Elimina
  3. Ciao Anisja, sempre interessanti i tuoi racconti. Anche io mi sono spesso chiesta perchè questa preparazione si chiama 'russa', curioso come certe ricette facciano il giro del mondo con i nomi più diversi. A presto!

    RispondiElimina
  4. Petronilla alias Amalia Moretti Foggia, il 3° medico-donna d’Italia una persona straordinaria e pensa che dava ricette e dispensava consigli medici sempre sotto pseudonimi dato il periodo in cui viveva. Me l'hai fatta ricordare che avevo anche scritto su di lei. Grazie veramente alle volte ci si dimentica. Ottima questa insalata ...russa, avevo sentito dire che adirittura in Russia la chiamavano insalata all'italiana... come una ricetta cambia nome passando nel mondo. Grazie ancora carissima amica e grazie per la tua visita. (Oggi di nuovo la solito goccia tempestosa :D ) Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ho letto il tuo post, lo ricordo.
      Amalia Moretti era una donna notevole, di spessore, bisogna ricordarla!
      Peccato per il tempo, speriamo migliori :-)

      Elimina
  5. Molto interessante la storia dell'insalata russa, ho già letto da Serena. Ho arricchito le mie conoscenze passando di qui e leggendo di Petronilla. Buona serata!

    RispondiElimina
  6. Questa ricetta ricorda tantissimo quella che faceva la mia nonna x le feste quando eravamo piccoli...a Natale era immancabile sulla tavola..quanti ricordi mi hai riportato alla mente...

    RispondiElimina
  7. Che buona, adoro Petronilla e la sua cucina. Bellissimo contributo.

    RispondiElimina
  8. Che fascino questi racconti di Petronilla. Sarebbe bello poter ritrovare in commercio quei libri.

    RispondiElimina
  9. Che fascino questi racconti di Petronilla. Sarebbe bello poter ritrovare in commercio quei libri.

    RispondiElimina
  10. Di questa ne sono ghiottissima... e poi fatta in casa è tutta un'altra cosa, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  11. DEvo provare a farla per i miei figli, mangiano la verdura ma in maniera forse un po' troppo selettiva...
    Grazie di questo bel post sulla storia della cucina :)

    RispondiElimina
  12. Quanto mi piace l'insalata russa e poi Petronilla ne sapeva una più del diavolo! Brava.

    RispondiElimina
  13. adoro l'insalata russa!!! è uno dei miei "peccatucci" piu' frequenti....magnifica la tua ricetta così ben documentata!!

    RispondiElimina
  14. adoro l'insalata russa!!! è uno dei miei "peccatucci" piu' frequenti....magnifica la tua ricetta così ben documentata!!

    RispondiElimina
  15. Ciao! Sono arrivata al tuo blog per caso, ci ho fatto un giro veloce e devo dire che mi piace molto, infatti mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi!
    Lifen

    RispondiElimina
  16. Sempre e solo mangiata ma mai fatta!!! Mi hai incuriosito tantissimo! Grazie!!! E' ottima per l'estate, brava!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina