venerdì 29 aprile 2016

Le monachine



Napoli un tempo pullulava di conventi e monasteri femminili, tutto il centro storico, partendo dai Tribunali fino a Piazza Dante ed oltre, ne era pieno. Luoghi, spesso di clausura, popolati da donne che per vocazione, per necessità, per consuetudine o per devozione, avevano scelto una vita votata alla contemplazione, alla meditazione e alla preghiera.
Proprio i conventi divennero, tra il cinquecento e l'ottocento, le migliori e più grandi pasticcerie napoletane dando vita a pregiatissimi e prelibati dolci, evocativi di piaceri terreni lontani dalla rigore della vita monastica, che in grandissima parte ancora oggi conosciamo e apprezziamo.
Del resto l'attività delle suore pasticcere era “giustificata”, i dolci si producevano solitamente per determinate ricorrenze o periodi dell'anno legati a una festività religiosa e si distribuivano, con indubbia approvazione sociale, o si regalavano alle persone incaricate del “servitio di fuora”, o per guadagnarsi favori, e anche per risolvere liti ….. il dolce, addolciva :-)
Col tempo la produzione dolciaria divenne anche fonte di reddito per i conventi che continuarono a praticarla in via istituzionale, specializzandosi.
Così nel convento del Divino Amore si producevano i dolcetti omonimi, il convento di S. Maria Maddalena era famoso per la pasta reale, le benedettine di S. Gregorio Armeno per la torta di rosa, il convento di S. Maria Regina Coeli per la sfogliatona, il monastero della SS. Trinità per la torta di bocca di dama, quello di S. Chiara per i raffioli, le zeppole i mostaccioli e il sanguinaccio, le monache della Croce di Lucca per gli struffoli, il convento delle Trentatrè per le monachine.
La monachina è un dolce di pasta sfoglia ripiena di crema ed amarene, probabilmente la progenitrice della più celebre ed elaborata sfogliatella Santa Rosa inventata nell'omonimo convento di Amalfi, pare, infatti che tra conventi, tra badesse, spesso imparentate, vi fosse una certa circolazione di consigli e ricette.
Eccone la ricetta originale, trascritta da una “monachina” come ci è stata riportata dal poeta Salvatore di Giacomo.

Prendi il sciore e mettilo sopra il tagliero nella quantità di rotolo mezzo. Mettici un pocorillo d’insogna e faticalo come un facchino. Doppo stendi la tela che n’e riuscita e fanne come se fosse una bella pettola. In mezzo alla pettola mettici un quarto d’insogna ancora, e spiega a scialle, 4 volte d’estate; 6 volte d’inverno. Tagliane tanti pezzi, passaci il laganaturo e dentro mettici crema e cioccolata o se più ti piace ricotta di Castelllammare. Se ci metti un odore di vaniglia o pure acqua di fiori e qualche pocorillo di cedro, fa cosa santa. Fatta la sfogliata, lasciala mezza aperta e mezza ‘nchiusa da una parte e dove lì scorre la crema facci sette occhi piangenti con sette amarene o pezzulli di percocata. Manda tutto al forno, fa cuocere lento, mangia caldo e alliccate le dita

Attualmente la monachina è principalmente un dolce da colazione, una sfoglia a forma di mezzaluna che racchiude completamente il ripieno, io ne ricordo una versione da pasticceria, una classica “pasta” domenicale a forma triangolare nella quale, come nella descrizione della “monachina” di Salvatore di Giacomo, la crema e l'amarena fuoriuscivano dal dolce.
Una sfoglia chiusa su un lato e aperta sugli altri due, ma come si farà mai? Forse ci vuole qualche stampo particolare, antico, ormai dimenticato ….
Ma no, signò, vulit fà e monachin, nun c' vo' nient … è facile” così il mio maestro, dall'alto della settantennale pratica di pasticceria, mi ha svelato l'arcano :-)
Con questo post partecipo alla Giornata Nazionale dei dolci del convento (s.Caterina da Siena) del Calendario del cibo italiano AIFB di cui è ambasciatrice Aurelia Bartoletti. Nel suo articolo meravigliose storie sulla pasticceria conventuale e, sicuramente, stupende ricette.

monachine
500 g. di pasta sfoglia
1 uovo

crema pasticcera di Maria Grammatico
2 tuorli d'uova
150 g. di zucchero
40 g. di amido (di grano o di mais)
½ l di latte
la buccia di mezzo limone grattugiata

per completare
amarene
zucchero a velo


Preparare la crema pasticcera
In un tegame pesante, sbattere insieme i tuorli e lo zucchero con una frusta. Sciogliere l'amido in mezzo bicchiere del latte, poi aggiungerlo al latte rimanente, mescolando bene. Versare il tutto lentamente nel tegame con i tuorli, mescolando bene con la frusta.
Cuocere a fiamma bassa, mescolando continuamente, per 10 - 12 minuti finché non diventi molto spesso come un budino. Incorporate la buccia grattugiata.
Versare in una terrina e coprite con la pellicola, facendo sì che la pellicola posi direttamente sulla crema, e lasciare raffreddare.
Stendere la pasta sfoglia non troppo sottile (io ho usato della pasta sfoglia già stesa pronta e di ottima qualità).
Ritagliare con precisione dei quadrati (ho usato un coppapasta).
Sbattere l'uovo, pennellare l'interno dei quadrati, chiuderli sovrapponendo gli angoli opposi, ottenendo così tanti triangoli, non premere.
Sistemare su una teglia protetta da carta da forno.
Cuocere in forno statico già a temperatura a 200° per circa 15 minuti, devono dorare.
Lasciare raffreddare bene.
Una volta fredde con l'aiuto di un coltello riprendere la linea di separazione tra i due bordi che in cottura si saranno uniti senza sigillarsi, infilare con delicatezza la lama del coltello non per incidere ma per praticare una pressione, la monachina, con un po' dii aiuto si aprirà a conchiglia.
Riempire con crema pasticcera decorare con zucchero a velo e amarene.



Per il post mi sono documentata qui:

La ricetta della crema pasticcera è tratta da Mandorle Amare di Maria Grammatico e Mary Taylor Simeti
La citazione di Salvatore di Giacomo è tratta da La cucina della Campania di Anna e Piero Serra

http://www.aifb.it/calendario-del-cibo/

14 commenti:

  1. Mi hai stesa Anna!!
    Ma sai che la tua ricetta, l'ho scritta anche io nel post?
    Vista così, mi fa ancora più gola!
    Grazie mille per il tuo contributo
    Aurelia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aurelia, mi fai felicissima!
      Tu hai parlato della Santarosa, io di una sua antenata, cercando, cercando siamo arrivate alla stessa fonte :-)
      Grazie a te per l'ospitalità, a presto ...

      Elimina
  2. Ho sempre visto in giro questi dolcetti ma non avevo idea che si chiamassero "monachine"... sono splendidi! Questa Giornata Nazionale ci ha fatto fare un viaggio in un mondo affascinante e sconosciuto... grazie :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Sara, sospetto che il viaggio nella pasticceria dei conventi sia solo all'inizio, avremo altre puntate, il tema è così vasto :-)

      Elimina
  3. Bellissima presentazione e da rifare assolutamente! Interessante la lista dei conventi Napoletani con i loro dolci da eat-parade!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno più buono dell'altro .... cosa sono state capaci d'inventare le "monachine" :-)
      Grazie Flavia, a presto ...

      Elimina
  4. Ciao, ho letto con interesse il tuo post e guardato le monachine sbavando, hanno un aspetto magnifico e m'immagino la loro bontà!
    Un caro saluto da Gabry

    RispondiElimina
  5. Nella sua semplicità deliziosa!
    Nei tuoi post si trovano sempre notizie e informazioni interessanti.
    Ci sono troppe cose buone da assaggiare a Napoli, devo passarci al più presto qualche giorno!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei mai stata a Napoli? allora devi passarci, magari un week end lungo, in primavera è bellissima!
      Per noi appassionati di cibo ancora di più, delizie ovunque :-)

      Elimina
  6. Penso che siano buonissimo e ho letto con grande piacere il tuo post, un bellissimo racconto e tante notizie che non conoscevo. Grazie Anisja! Ciao.

    RispondiElimina
  7. E' la prima volta che sento parlare di questi pasticcini e ti confesso che me ne sono già perdutamente innamorata..sei davvero bravissima, complimenti!!!
    Ne approfitto x augurarti un felice we <3

    RispondiElimina
  8. Che aspetto meraviglio e invitante hanno questi golosi dolcetti... annoto subito, grazie!!!!

    RispondiElimina
  9. bellissimo post complimenti, e queste pastine che non sapevo si chiamassero monachine le ho assaggiate portate da un amico venuto da napoli e posso dire che sono veramente favolose, continuo a dire che questo calendario ci fa scoprire dei mondi cosi vicini a noi e cosi sconosciuti...

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo la storia delle monache pasticcere! Però queste monachine fanno veramente gola! Ciao, a presto

    RispondiElimina