giovedì 3 luglio 2014

Kremówka, la torta papale


Con la Polonia si chiude il viaggio in Europa con l'Abbecedario, quanti paesi abbiamo virtualmente visitato, quante ricette cercate, studiate, elaborate, e, ...... qualcuna,  realizzata :-)
Cosa mai potevo scegliere come degno epilogo del nostro giro d'Europa? siamo in Polonia, la Patria dell'amato San Giovanni Paolo II … è ovvio la SUA torta, la kremówka papieska.
La torta nasce probabilmente in Austria, infatti fu portata a Wadowice da un pasticcere autriaco Charles Hagenhuber arrivato da Vienna.
Kremlowka, dolce di crema, dolce fondente, una variazione della millefoglie francese e della russa Napoleone.
La kremowka diventa papale e, contemporaneamente, acquista fama mondiale nel giugno del 1999 quando Giovanni Paolo II, in una tappa del suo viaggio in Polonia, ritorna a Wadowice e ricorda con nostalgia il sapore di un dolce che mangiava da bambino, la kremowka, appunto.
Il Santo Padre racconta che con i suoi compagni di scuola decise di festeggiare la maturità con una sfida a kremowka, dopo tanti sacrifici si potevano concedere un buon dolce!!!! avrebbe vinto chi ne avrebbe mangiato di più ….. il futuro Papa non vinse, ne mangiò solo 18 pezzi.
Dopo averla assaggiata si comprende perchè è possibile mangiarne tanto, la Kremlowka, oltre ad essere assolutamente deliziosa, è eterea, leggera, impalpabile …. scompare in un batter d'occhio!!!!
A dispetto del nome così altisonante è il dolce che più semplice proprio non c'è, pasta sfoglia e crema al burro montata, un dolce di casa, del resto il Papa che ne andava ghiotto era San Giovanni Paolo II.
Con questo post partecipo all'iniziativa Abbecedario Culinario della Comunità Europea che, per la Polonia, è ospitato dal blog Cucina precaria.
Speriamo di rivederci in autunno, non disferò le valige :-)

230 g. di burro morbido
500 ml di latte
150 g. di zucchero
85 g. di farina bianca
5 tuorli d'uovo (io ne ho messi 4, non gradisco il sapore spiccato di uova)
2 confezioni di pasta sfoglia già stesa rettangolare
zucchero a velo per decorare

Svolgere le confezioni di pasta sfoglia, sistemarle sulle teglie da forno utilizzando a protezione la carta da forno della confezione.
Coprire con un canovaccio leggermente inumidito e lasciare riposare per almeno un'ora.
Cuocere in forno ventilato già a temperatura a 200° per circa 20 minuti o comunque fino a doratura.
Mettere da parte. Lasciare raffreddare.
Lasciare in infusione a lungo, anche per una notte, in frigo, i semi e il baccello di vaniglia nel latte.
Portare il latte quasi ad ebollizione.
In una capiente pentola sbattere a lungo, a mano, con la frusta, i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Sempre mescolando aggiungere poco alla volta la farina facendo attenzione a non formare grumi.
Aggiungere lentamente il latte caldo, mescolare continuamente. Riportare sul fuoco.
Ridurre il calore e continuare a cuocere mescolando con la frusta fino a quando non si addensa.
Attenzione, la crema presenta una notevole quantità di farina rispetto a una normale crema pasticcera, infatti in diversi siti polacchi più che di crema si parla di budino.
Capita, a termine della cottura, che la crema si inspessisca e raggrumi (l'ho fatta due volte, la prima volta temevo di aver sbagliato qualcosa nella cottura e di aver fatto impazzire la crema così l'ho rifatta a fiamma bassissima ed è venuta uguale) quindi per evitare grumi quando inizia ad inspessire mescolare con il frullino elettrico. Coprire con pellicola a contatto, lasciare raffreddare a temperatura ambiente.
La crema deve essere completamente fredda prima di incorporare il burro.
Con il Kenwood frusta a filo vel 3 – 4 battere la crema, unire poco alla volta il burro morbido sempre montando e aumentando la velocità.
Posizionare la crema sulla pasta sfoglia spalmandola in modo uniforme. Coprire con l'altra sfoglia, premere delicatamente cercando di distribuire la crema sui lati con una spatola.
Trasferire in frigo almeno per una notte, proteggere con pellicola.
Tagliare a rettangoli. 
Al momento di servire decorare con lo zucchero a velo.


La ricetta è presa qui.

20 commenti:

  1. ciao Anisja questa torta è veramente ottima...crema ...burro ..zucchero una bontà!
    ti auguro una buona giornata...un abbraccio simona:)

    RispondiElimina
  2. Bellissima questa ricetta, me la segno perchè deve davvero essere buona!!!
    Complimenti (mi sono segnata tra i tuoi lettori, a dire il vero pensavo d'averlo già fatto!!!)

    RispondiElimina
  3. Oddio mio che squisitezza infinita!! *__*...un dolce proprio degno del suo nome!! ^__^
    Ma tu sei troppo brava a cucinare e mi fai venire una voglia matta di mettermi a sfornare dolci!!! =^__^=

    RispondiElimina
  4. Le ho fatte anch'io queste paste, ma nella ricetta che ho seguito alla crema (che in effetti risulta molto densa per la notevole quantità di farina e per la maizena) si aggiunge panna montata!! Comunque sono belle e buone, complimenti!!

    RispondiElimina
  5. E' veramente di grande effetto questa torta !!! Mi piace , se piaceva tanto al Papa !!
    Comunque , ho letto con attenzione la ricetta , e mi ha colpito l'aggiunta della crema di burro alla crema pasticcera ! Ameno per me e' una novita' !!!!! ( o no ? )
    Quindi , dato che purtroppo sono un'inguaribile burromane , non vedo l'ora di provare !!!
    Complimenti veri , e baci !

    RispondiElimina
  6. Mi ispira un sacco...è bellissima!!!

    RispondiElimina
  7. caspita che meraviglia!!! L'aggiunta del burro anche per me è una novità! Da provare perché no?! Complimenti

    RispondiElimina
  8. Mamma mia cosa dev'essere questa torta.. cremosissima!! :D

    RispondiElimina
  9. Complimenti per la torta meravigliosa!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. che torta bella anzi bellissima,un bacione

    RispondiElimina
  11. Ho un'amica e collega polacca. Giuro che le faccio una sorpresa copiando questa bellissima torta. Grazie.

    RispondiElimina
  12. Una vera delizia Ani! Neanche io disferò le valigie, spero proprio che ripartiremo!!! Buon we, un bacione :)

    RispondiElimina
  13. Che buona e che splendido aspetto!! I tuoi post sono sempre molto interessanti!! Grazie Anisja!
    Buon we! <3<3<3

    RispondiElimina
  14. Bellisssima Ani. Immagino anche che sia molto buona...una crema pasticcera con il burro non l'avevo mai vista.

    RispondiElimina
  15. Questo dolce è una bontà infinita, da provare sicuramente!

    RispondiElimina
  16. Interessante! Non conoscevo questo dolce, mi piace tantissimo :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  17. eccola!!! non sono riuscita a farla essendo in vacanza...mi fa piacere che tu l'abbia postata per il nostro viaggio in Polonia..mi ispirava da matti!!! complimenti!

    RispondiElimina
  18. Buona preso nota è simile seppur diversa alla crema di Bled - Slovenija. La voglio provare anche se i dolci meglio che non li mangi non potrei. Buona serata

    RispondiElimina