sabato 22 giugno 2013

Pan de hojaldre a lievitazione naturale per il Bread Baking Day #60



Questo mese il tema del Bread Baking Day è il pane glassato, cioè pane, dolce o salato, ricoperto (prima o dopo la cottura) da un ingrediente in grado di produrre un effetto sulla superfice rendendola morbida o croccante, dolce, speziata o semplicemente più bella da vedere !!!
Dopo un breve ripasso dei pani sfornati nella mia esperienza di panificazione, escludeno impasti a tema ma irrealizzabili con questo caldo (tipo il casatiello dolce), ho pensato di proporre per per il BBD #60 il pan de hojaldre che in effetti è un pane glassato, la lucidatura finale, prima della cottura, con olio extravergine contribuisce a conferire alla crosta croccantezza e colore.
Inutile dire che, come tutti i pani delle sorelle Simili, è buonissimo e, ovviamente, da provare.
Con questa ricetta partecipo al Bread Baking Day #60 organizzato da Zorra che questo mese festeggia il suo sesto anniversario e invito gli appassionati panificatori, come me, a parteciparvi o promuovere l'evento esponendo il banner nel proprio blog.

Bread Baking Day #60 - Glazed Bread for 6th anniversary / Brot mit Streiche zum 6. Geburtstag (last day of submission July 1st 2013)

250 g. di farina
90 g. di lievito madre rinfrescato 3 volte
145 g. di acqua
1/2 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaino raso di sale (circa 5 g.)
30 g. di olio evo per sfogliare
1 cucchiaino di olio evo per pennellare

Nel Kenwood, frusta a gancio, sciogiere il lievito madre nell'acqua, aumentando via via la velocità fino a 2, unire la farina, il sale e l'olio e continuare ad impastare per 7 – 8 minuti sempre a velocità 2. Trasferire l'impasto su una spianatoia ed impastarlo a mano ancora per qualche minuto. Formare un filone di circa 20 cm, lasciarlo riposare coperto per 40 minuti. Al termine disporre il filone, spostandolo delicatamente senza lavorarlo, sul tavolo (o una spianatoia molto grande) infarinato. Spianarlo col matterello fino ad ottenere un rettangolo di 20 x 50 cm. Versare metà dei 30 g. di olio sull'impasto, spalmarlo con la punta delle dita sulla superfice senza raggiungere i bordi. Piegare l'impasto in quattro piegando al centro i due lati corti facendoli combaciare e piegarlo ancora sovrapponendo le due metà. Si otterranno così 4 strati. Chiudere i bordi, infarinare di nuovo il tavolo e infarinare anche la pasta per evitare che si attacchi al matterello. Tirare una sfoglia sottile fino ad avere un rettangolo di 60x40 cm. Versare sulla sfoglia il rimanente olio e spalmarlo con la punta delle dita. Arrotolare partendo dal lato corto senza stringere troppo. Trasferire il pane in una teglia ricoperta di carta forno tenendo la falda sotto. Incidere molto profondamente il pane con una lametta lasciando al centro uno spazio intero di circa 3 cm. Pennellare con poco olio, coprire e far lievitare in forno con la lucetta accesa fino al raddoppio (4 ore). Cuocere in forno statico già a temperatura a 200° per 30 – 35 minuti, avendo cura di ruotare il pane a metà cottura.

La ricetta è delle sorelle Simili pubblicata nel libro "Sfida al mattarello", l'ho adattata alla lievitazione naturale semplicemente sostituendo il lievitino con lievito madre rinfrescato e ricalibrando i liquidi. 
  
Con questo post partecipo all'iniziativa Abbecedario Culinario della Comunità Europea che, per la Spagna, è ospitato dal blog Burro e Zucchero.

 

37 commenti:

  1. Oddio..da impastatrice compulvisa se ti dicessi che con questo caldo mi è passata la voglia di panificare...ci crederesti??!! Con questo pane però mi hai fatto tornare la voglia di accendere il forno e affondare le mani nella farina...
    Buon WE cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci crederei :-)!!! le impastatrici complusive non si fermano per qualche grado in più ....

      Elimina
  2. Ma che meraviglia! Soffice e fragrante. Hai fatto venire anche a me la voglia di accendere ancora il forno! Brava, Anija. Buona serata!

    RispondiElimina
  3. Certo che a vederlo viene una vogliaaa ! deve essere proprio buono ! Complimenti!!
    A presto!

    RispondiElimina
  4. Ma che brava, wow!!!
    Io e il mio lievito madre dobbiamo ancora capirci... -.-'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto dipende da lui, basta capirsi :-)

      Elimina
  5. dico sempre che devo rifare il lievito madre , ma non riesco peerchè questo comporta anche il dover consumare più pane che noi però non mangiamo in gran quantità . Questo tuo pane è invidiabile !!! Buona domenica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, il pane quando si fa poi si mangia e la linea ne risente .... di solito, poi, non s'inforna un panino ma uno o più bei pani !!! io per non cadere troppo in tentazione una volta freddo lo congelo :-)

      Elimina
  6. Ma è una bontà super brava""!" Complimenti baci simo

    RispondiElimina
  7. Ciao, passa da me, c'è un pensiero per te...


    Giulia

    http://papricaecannella.blogspot.it/2013/06/ancora-un-premio.html

    RispondiElimina
  8. Quanto sei brava Anisja!!!
    Questo pane è semplicemente meraviglioso!!
    Un abbraccio e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazi, sei carinissima, a presto ....

      Elimina
  9. Bellissimo risultato, e procedimento spiegato veramente bene! Per il momento fare il pane mi intimorisce; ma prendo ispirazione, chissà... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende tutto dal tuo lievito madre, provaci .... sono soddifazioni ...

      Elimina
  10. la spiegazione è splendida... sai ho iniziato da poco a usare la pasta madre e questo filone mi piace tantissimo e non è neanche complicatissimo, da provare

    RispondiElimina
  11. La panificazione ha un suo fascino particolare, soprattutto se fatta con lievito naturale...
    Il tuo pane è bellissimo! Complimenti!
    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Ciao, complimenti che bella panificazione!!!
    Mi sono unita ai tuoi sostenitori, se ti fa piacere passa a trovarmi.
    A presto.

    RispondiElimina
  13. Ciao Anisja, complimenti hai preparato un pane bellissimo! Bacione a presto

    RispondiElimina
  14. che bello questo pane! Io per ora non sono una gran esperta di panificazione, ma questa ricetta mi ispira molto, credo che presto la proverò!
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
  15. sei davvero brava,hai realizzato uno splendido pane...baci :)

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia questo pane! Non smetterei mai di guardarlo!!!!!

    Volevo invitarti, se ti fa piacere, a partecipare al mio nuovo contest che ha come tema le insalate estive aventi come protagonista i legumi o i cereali o i semi oleosi:
    http://kucinadikiara.blogspot.it/2013/06/il-nuovo-contest-cereali-in-insalata_5.html

    Grazie mille e buona giornata,
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, cercherò qualche idea interessante ... a presto ...

      Elimina
  17. Ciao, che meraviglia questo pane, molto soffice. Bravissima! A presto.

    RispondiElimina
  18. Ciao, grazie per il commento! Anche io ti seguirò assolutamente!

    A presto,
    V.

    RispondiElimina
  19. Ma che buono questo pane! Mhhh viene voglia di mangiarlo...

    RispondiElimina
  20. Come panificatrice mi merito un voto medio-basso, però la voglia di impastare è sempre tanta. Soprattutto quando leggo le tue ricette.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  21. Wonderful bread! Thank you for participating in BBD #60!

    RispondiElimina
  22. WOW !! what a bread ! the slices look fantastic.

    RispondiElimina
  23. Meraviglioso!!!!complimenti lo devo fare

    RispondiElimina
  24. Che pane fantastico Anisja! Le sorelle Simili sono il mio mito,(io sono di Bologna ;-)) ed ho proprio del lievito madre in frigo, questa la provo!! Non occorre ripubblicare, dovresti però aggiungere il logo dell’Abbecedario e scrivere che partecipi a questa tappa spagnola ospitata da me! Grazie infinite di tutto! Un bacione!

    RispondiElimina