domenica 9 ottobre 2016

Quanti modi di fare e rifare pisarei e fasö



Buongiorno e buona domenica, eccoci ad un nuovo appuntamento con Quanti Modi di Fare e Rifare.
Oggi la Cuochina ci porta a nella cucina della carissima Elena del blog Zibaldone Culinario, che ci insegnerà una meravigliosa ricetta piacentina i Pisarei e Fasö.
Semplici gnocchetti di farina e pangrattato, piccoli piccoli, la grandezza di un fagiolo, accompagnati da un corroborante brodo di fagioli, nella cui preparazione si sono misurate generazioni e generazioni di massaie piacentine.
In passato saper realizzare buoni pisarei pare fosse condizione essenziale per sposarsi, una fanciulla priva delle indicative callosità sul pollice, difficilmente avrebbe trovato marito ….. come cambiano i tempi :-)
Elena ci regala una ricetta di famiglia, ovviamente precisissima e perfetta, svelandoci tutti i segreti per ottenere buonissimi pisarei morbidi e corposi al punto giusto.
Dovete sapere che qualche mese fa la mia amica Elena è stata ambasciatrice per il Calendario del Cibo Italiano proprio dei Pisarei e Fasö, purtroppo all'inizio del Calendario non avevo ancora preso la mano con post, programmazione ed altro ancora, così me li sono persi e mi è dispiaciuto molto.
Questa volta certo che non li perdo … li ho fatti già due volte!  mai come in questo caso repetita iuvant :-)
Ed eccoli nella versione che la stessa Elena ha proposto per il Calendario.

Ancora una volta … quante cose impariamo con la Cuochina :-)

400 g di farina 00
200 g di pane grattugiato
20 g di burro
acqua calda q. b.
sale


250 g di fagioli borlotti freschi o surgelati
30 g di lardo pestato
20 g di burro
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 spicchio di aglio
1 cipolla
1 cucchiaio di salsa di pomodoro
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
prezzemolo
Sale e pepe

Su una spianatoia disporre la farina a fontana, sistemare all’interno il pane grattugiato, il sale e il burro, scottare il pane con acqua calda.
Lasciare raffreddare il pane, quindi impastare velocemente, fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico. Far riposare l’impasto coperto per circa 15 minuti.
Formare dei piccoli cordoncini di pasta dal diametro di 5 mm, assottigliandoli con i palmi delle mani. Staccare dei pezzetti modellarli a gnocchetto con il pollice.
Portate a metà cottura i fagioli in acqua non salata condita con un cucchiaio di olio e una fettina di cipolla fresca.
Preparate un soffritto, con burro, lardo pestato, cipolla, aglio, prezzemolo tritati, unire i fagioli, facendoli insaporire a fuoco lento. Aggiungere la salsa di pomodoro e il concentrato, diluire un poco con acqua tiepida. Aggiustare di sale e pepe, continuare a fuoco basso fino alla cottura dei fagioli.
Quando il sugo sarà pronto, lessare in abbondante acqua salata i pisarei, a cottura, un paio di minuti dopo che sono venuti a galla, scolarli ed aggiungerli al sugo.
Servire con formaggio grana grattugiato. 


 
 http://gliamicinoblogger.blogspot.it/2013/03/gli-amaretti-di-nicola.html

16 commenti:

  1. Buona domenica cara Anisja!
    Tra splendidi colori autunnali che la Natura puntualmente ci regala, eccoci giunti all'appuntamento di ottobre nella grande, meravigliosa cucina aperta, di Quanti modi di fare e rifare! Come passa in fretta il tempo, le stagioni, i mesi si susseguono a ritmo incalzante ..sembra ieri che abbiamo iniziato il menù 2016, ancora un paio di ricette e saremo pronti per iniziare quello per il 2017!
    Cuochina, Anna e Ornella, ti ringraziano di cuore per aver preparato e condiviso la tua stupenda e golosa versione dei Pisarei e faso'!
    Il prossimo mese saremo dagli amici Clara e Nicola per fare Gli amaretti di Nicola. Ti aspettiamo!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi Cuochine per la bellissima ricetta che resterà a lungo nella mia cucina :-)

      Elimina
  2. Tempi davvero cambiati, ma i pisarei restano sempre buoni, bellissima anche la tua versione, alla prossima!!!

    RispondiElimina
  3. l'aggiunta del lardo ci sta proprio bene, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. Bravissima Anjsia, e ti ricordi pure della mia partecipazione al Calendario, la tua versione segue fedelmente quella depositata in Camera di Commercio come piatto DECO, e quindi non può essere che buonissima! Grazie, grazie delle belle parole e di aver partecipato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Elena per averci insegnato un piatto così buono e prezioso, un tesoro di famiglia!

      Elimina
  5. ah i pisarei e fasò ... tipica ricetta della mia Piacenza.

    RispondiElimina
  6. Buoni a Trieste pasta e fasoi praticamente la pasta può essere fresca o secca usualmente se secca tubicini piccoli.
    Io la preferisco con la "semenza" quella però grande non facile da trovare. Devo provare questa ricetta. Grazie cara e buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  7. Con questa presentazione hai dato una veste elegante e raffinata ad un piatto semplice e sono anche molto invitanti bravissima. un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Con questa presentazione hai dato una veste elegante e raffinata ad un piatto semplice e sono anche molto invitanti bravissima. un abbraccio

    RispondiElimina
  9. ciao Anisja!
    sei stata super...con una presentazione "semplicemente" elegante e raffinata, un post "generosamente" riconoscente alle tradizioni e poi...dei pisarei buonissimi.
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sempre gentilissime, un abbraccio

      Elimina
  10. Non mi piacciono i fagioli, purtroppo, quindi passo. Ma la ricetta è dettagliata e ben spiegata, credo di poterla rifare al mio compagno (che dei fagioli invece è amante) anche senza bisogno di assaggiare! Grazie!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
  11. Un piatto che mi piace tantissimo! e questa tua versione la adoro! bravissima!

    RispondiElimina
  12. Una versione golosissima dei già ottimi pisarei e faso, ci vogliono proprio piatti come questo per tirarsi su il morale in questo autunno meteoroligicamente infame (almeno da me)!
    Buon weekend!

    RispondiElimina