giovedì 22 agosto 2013

Runebergintorttu

 

Il runebergintorttu è un dolce tradizionale finlandese che prende il nome dal poeta Johan Ludvig Runeberg, autore del testo dell'inno nazionale finlandese, Maamme.
Le origini di questo dolce si perdono nell'aneddotica popolare, pare che Runemberg avesse chiesto alla moglie di preparargli un dolce, purtroppo dispensa era pressoché vuota. Così la moglie, volendolo comunque accontentare, decise di realizzare il dolce usando i pochi ingredienti che aveva in casa, farina, pangrattato, briciole di qualche biscotto, mandorle, zucchero, uova e un po' di marmellata, pare prendendo ispirazione da una torta che all'epoca si preparava in una panetteria di Poorvo, il paese in cui vivevano.
Al poeta questo dolcetto sarebbe piaciuto talmente che, da allora volle consumarlo ogni giorno, a colazione. Immagino con grande felicità della moglie :-).
Nacque così il runebergintorttu.
Quali siano sue le origini, comunque, la ricetta del unebergintorttu fu pubblicata per la prima volta nel 1850 proprio in un libro dalla signora Runemberg che insieme a consigli pratici per la gestione della casa raccoglieva anche le sue ricette.
Nel tempo questi pasticcini sono passati dalla tavola del poeta alle vetrine dei caffè divenendo il piatto tipico di Poorvo, dove sono consumati tradizionalmente da gennaio fino al giorno in cui si festeggia il compleanno di Runeberg, il 5 febbraio, e, comunque, si trovano durante tutto l'anno anche sotto forma di souvenir che richiamano la forma delle tortine.
I dolcetti sono fantastici, morbidi, umidi, speziati, la pasta, che a prima vista sembrerebbe biscottosa, tipo crostata, invece è soffice ma consistente, quasi sbriciolosa, non eccessivamente dolce perfettamente in equilibrio con il topping caratterizzato dalla nota acida della marmellata enfatizzata dalla glassa al limone, insomma, una meraviglia.
Nel web qualcuno consiglia di inumidirli con il punsch o rum prima di decorarli. Potevo mai esimermi dal compito di provare le due versioni? Così ne ho bagnati alcuni con qualche cucchiaio di rum e, sorpresa delle sorprese …. bagnati sono ancora più buoni, infatti, il liquore non appesantisce il tortino inzuppandolo, ma svanisce, rendendolo solamente più fresco, succulento ed aromatico.
Ovviamente esistono moltissime versioni del runebergintorttu (vedi qui, qui, e qui) ho scelto una ricetta tratta dal Culinary Porvoo che ho trovato qui con delle piccole varianti suggerite dalla lettura delle altre ricette.
Con questa ricetta partecipo all'iniziativa Abbecedario Culinario della Comunità Europea che, per la Finlandia, è ospitato dal blog Un pezzo dellamia Maremma.


100 g di burro
1 dl (105 g. circa) di zucchero di canna
1 uovo
50 g di mandorle tritate finemente
1 dl e ½ (182 g. circa) complessivo di pangrattato addizionato da 4 pandizenzero triturati finemente
1 dl e ½ (116g. Circa) di farina bianca
1 cucchiaino di lievito in polvere
1 cucchiaino di cardamomo tritato
1 dl di panna da montare + 2 cucchiai
marmellata di fragole
zucchero a velo q.b.
succo di limone q. b.
1 albume
rum per bagnare (se piace)

Mescolare gli ingredienti secchi. A parte, nello sbattitore, montare a crema il burro ammorbidito e lo zucchero. Sempre continuando a montare unire l'uovo e gli ingredienti secchi e, infine, la panna eventualmente aggiungendone ancora qualche cucchiaio fino ad ottenere un impasto denso ma morbido (io ne ho aggiunti 2). Trasferire l'impasto nei pirottini di carta avendo cura di riempirli quasi fino all'orlo (i runebergintorttu sono belli alti) i posizionarli nello stampo per muffins. Cuocere in forno statico, già a temperatura, a 200° per circa 20 minuti. Sfornare le tortine e lasciarle raffreddare. Intanto Preparare una glassa molto densa con zucchero a velo succo di limone e albume.
Sistemare in cima ad ogni tortina, un po' di marmellata, eventualmente formando un piccolo incavo, formare intorno alla marmellata un anello di glassa.

  • Per la glassa ho preferito usare la mia solita glassa di albume perché più consistente ed affidabile (dovevo fotografare), la ricetta originale, però, prevede una glassa fatta solo con zucchero limone e acqua. Quindi se non vi piace l'uovo crudo e non dovete fotografare …..
  • Alcuni ingredienti solidi sono misurati in decilitri, ho preferito rispettare questo sistema di misurazione indicando tra parentesi l'equivalente peso in grammi.
  • Ho preferito sostituire allo zucchero semolato lo zucchero di canna che, pare, sia più vicino come gusto e consistenza allo zucchero grezzo usato all'epoca della signora Runemberg.

40 commenti:

  1. Non conoscevo questo dolce ma sembra davvero goloso!
    Bravissima
    la zia Consu

    RispondiElimina
  2. Deve essere davvero delizioso :)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gusto particolare, ma buono, da provare ...

      Elimina
  3. carissima Anisja da una bella storia poteva venire fuori solo una buona ricetta, grazie della tua partecipazione, farò sicuramente i dolcetti, ormai la cucina finlandese mi ha catturata...un caro saluto

    RispondiElimina
  4. Brava come sempre ecco un nuovo piccolo capolavoro da mangiare con gusto!!
    http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. che dolce e che storia tutto super fantastico, bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, prima del dolce mi è piaciuta la storia. Grazie, a presto ...

      Elimina
  6. ah! l'amore...........se è nato per amore non può che essere buonissimo!!! prendo nota ......... non si sa mai.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda non so se sia nato per amore o per disperazione, la signora Runeberg aveva 8 figli, una casa da accudire e un marito goloso e, penso, non troppo collaborativo, nella Finlandia di metà '800 .... pare, però, che sia stata un'antesignana del femminismo, magari forse è nato per amore della cucina ... anche questo è amore!!!

      Elimina
  7. Mi sembra buonissimo questo dolce..non lo conoscevo..prendo nota.
    ;Lo aggiungo alla lista di altri dolci di altre nazionalità.
    un abbraccio e buona serata.
    Incoronata

    RispondiElimina
  8. complimenti! non sapevo che esistesse questo dolce! la foto è molto bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cerco di migliorare con le foto ma è dura ....

      Elimina
  9. Your blog is lovely!!!! Would you like to follow each other on bloglovin' ? xxx

    Gleaming Spire * Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sure, I add your blog on blogloving, see soon ...

      Elimina
  10. Com'è bello girare il mondo con una ricetta... questa poi è impronunciabile e sconosciuta al punto giusto da farmi venire subito voglia di provarla! brava Anisja!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impronunciabile ma buona, da provare ....

      Elimina
  11. Wonderful recipe...I like your blog.^^
    Maybe follow each other on bloglovin?
    Let me know follow you then back.
    Lovely greets Nessa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sure, I add your blog on blogloving, see soon ...

      Elimina
  12. Particolare questo dolce, ma particolari tante ricette che ho letto sul tuo blog.
    Complimenti!
    A prestissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, gentilissima, a presto ....

      Elimina
  13. Ciao ti ho trovato grazie ad una mail di bloglovin,il tuo blog mi piace tanto mi sono aggiunta se ti va passa da me anche se il mio blog non e' di cucina ciao a presto.

    RispondiElimina
  14. Che bella ricetta!
    In effetti devo ammettere che non conosco molto della pasticceria del resto del mondo. Grazie per avercela fatta conoscere.
    ciao Leo

    RispondiElimina
  15. Que delicias de magdalenas tiene un pinta bueniiiiisima!! tendre que probarla.
    Besos amiga.
    Alicia.

    RispondiElimina
  16. Ciao Anisja, ti ho conosciuto grazie all'iniziativa di Calendula e Camomilla, e il tuo blog mi è proprio piaciuto, così sono diventata tua lettrice fissa; questa ricetta poi è bellissima, e bellissima la descrizione della sua origine. Quando vuoi passa da me su Frizzi e Pasticci (http://cecieviola.blogspot.it/)faremo quattro chicchiere davanti ad un the e una fetta di torta.

    RispondiElimina
  17. Thank you so much for the follow.
    Follow you back on bloglovin and gfc,too.
    Do you also follow me on gfc?
    Lovely greets

    RispondiElimina
  18. Un dolce meraviglioso! Complimenti, un abbraccio

    RispondiElimina
  19. E anche la Finlandia è servita! Grazie per aver partecipato a questa tappa, il resoconto completo qui: http://abcincucina.blogspot.com.es/2013/08/k-come-kalakukko.html.
    E ora...in Svezia, in fondo è dietro l'angolo!
    Ciaoooo
    Aiu'

    RispondiElimina
  20. Che bel Dolce e bellissimo blog..se vuoi passa da me !!Anna

    RispondiElimina
  21. neanche io conoscevo questo dolce,ma dev'essere golosissimo...a presto :)

    RispondiElimina
  22. Interessantissi questi dolcetti e che donna fortunata la moglie del poeta!
    Ciao!

    RispondiElimina
  23. Ma che buoni questi dolcetti... molto originali!!!
    Davvero interessante anche il tuo blog! da oggi ti seguo, se ti va, passa a trovarmi anche tu!
    Buona giornata
    Flora

    RispondiElimina
  24. Mi è piaciuto tantissimo il racconto, i dolcetti devono essere favolosi!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  25. Che dolcetto interessante. Poi quando é sommerso da leggende tutto mi appare più bello. Non lo conoscevo per cui grazie per il post interessantissimo :) Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. il dolce è moooolto interessante e capisco il poeta, mi spiace un po' per la moglie che ha dovuto rifarlo tutti i giorni, però ne mangerei volentieri uno

    RispondiElimina
  27. ciao ti ho conosciuta tramite Calendula e Camomilla e mi sono unita ai tuoi lettori. complimenti per il blog. se ti va passa da me http://manidifatacreazioni.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/pages/Mani-di-Fata-Creazioni/112875615569386

    RispondiElimina
  28. Mangiato a Porto la settimana scorsa.
    Buonissimo!!!
    Per fortuna hai la ricetta originale.
    Li farò sicuramente.

    RispondiElimina