mercoledì 27 febbraio 2019

Il mio pollo fritto per il Club del 27


Signori, si frigge!!!
Questo mese il Club del 27 si cimenta nella rivisitazione di una delle più croccanti sfide dell'MTC, il pollo fritto, attraverso una selezione delle più belle e riuscite ricette proposte dagli sfidanti del tempo.
Proud to be a member
Partecipai anch'io, ho fritto, ricordo, un discreto pollo, il primo mai fatto, una cosina senza infamia e senza lode.
Questa volta ci ho voluto riprovare sperimentando la proposta della mia carissima (e mitica) amica Cinzia che con i pennuti è un portento.
Non avete idea di che cosa non era il suo tacchino al forno, una cosa stroboscopica, ultraextramegagoduriosa, lo dice una che non ama, come direbbe la mia amica Angelika, il genere bipedi piumati :-)
Comunque ho rifritto seguendo la sua proposta e facendo tesoro dell'esperienza passata, credo sia riuscito un buon fritto.
Questa volta anche le cosce erano cotte e sugose, il segreto: attenzione alla cottura, prolungandola anche di qualche minuto e moderando il calore del fuoco.
Basta prenderci la mano :-)
Il sequel tra qualche anno :-)
Non perdetevi nessuna delle proposte croccanti e appetitose del nostro Club del 27, le trovate tutte qui.
Con la tessera n° 37 anche questo mese partecipo al Club del 27.



Ecco le ricette di Cinzia

Pollo fritto
(infarinato, come da ricetta di Silvia)

Ingredienti:

1000/1300 g di pollo con ossa e pelle
(cosce, sovracosce ed ali)
1,5 l di olio per friggere
200 g farina
sale/pepe


Il pollo va messo a marinare a pezzi: personalmente divido le sovracosce e le ali a metà (la punta finale di queste ultime va scartata).
Preparate un piatto fondo per appoggiare il pollo infarinato, un piatto piano coperto da carta assorbente per appoggiare il pollo appena fritto e una placca da forno coperta anch’essa da carta assorbente per riporre il pollo fritto in forno e tenerlo al caldo.
Rimuovete il pollo dalla marinatura, lasciatelo scolare sopra una gratella posta su un foglio di carta da forno per mezz’ora almeno (per me anche tamponato, vista la notevole cremosità del latticello usato). Preparate una ciotola abbastanza capiente per contenere 3/4 pezzi di pollo alla volta e metteteci la farina con il sale e il pepe; in alternativa mettete farina, sale e pepe dentro un sacchetto alimentare capiente.
Prendete 3 pezzi di pollo, metteteli nella farina ed infarinateli pressando leggermente le carni oppure inseriteli nel sacchetto, chiudetelo ed agitate finché tutti i pezzi non saranno ben infarinati.
Scuoteteli per eliminare la farina in eccesso ed appoggiateli sul piatto preparato in precedenza.
Procedete panando il resto del pollo.
In una casseruola dai bordi alti versate l’olio e scaldatelo a fuoco medio fino alla temperatura di 180° circa. Se non avete il termometro mettete un pezzo di pane nell’olio, quando dorerà sarà il momento di immergere il pollo.
Immergete nell’olio 3 pezzi di pollo alla volta. Osservate l’olio: il pollo appena immerso friggerà formando molte bolle grandi e man mano che si cucinerà le bolle diminuiranno sempre più. Quando il pollo avrà una colorazione dorata ed omogenea, ci vorranno circa 6/8 minuti di cottura a seconda della grandezza del pezzo, scolatelo dall’olio ed appoggiatelo sul piatto con la carta assorbente.
Una volta asciutto, se desiderate potete tenerlo al caldo nel forno preriscaldato a 120° circa, infornandolo sulla placca da forno.

Salsa piccante al pomodoro

Ingredienti:

pelati homemade
aglio
cipollotto
olio extravergine di oliva
dado homemade
miscela Pampa Chimichurri *


* miscela di erbe e spezie argentina, ora diffusa in tutto il Sud America: mix composto da sale fino, cipolla, origano, aglio, prezzemolo, pepe nero e paprika dolce.

Soffriggere leggermente l'aglio spremuto e il cipollotto tagliato fine in un paio di cucchiai di olio, ammorbidendo poi il soffritto con un goccio di acqua al bisogno. Unire poi i pelati tagliati fini e salare col dado (per gli irriducibili a cui è altamente antipatica l'acidità del pomodoro si può aggiungere anche un pizzico di zucchero). Cuocere brevemente a fiamma media finchè la salsa si sia ritirata alla giusta consistenza. Lasciare intiepidire la salsa e poi unire il mix di spezie a piacere, assaggiando fino ad ottenere l'intensità desiderata.


L'immagine può contenere: testo

e vi risparmio la foto figa, sapete come sono, alla ricerca dell'effetto wow, mi sono messa li seguendo l'ispirazione artistica, ho fotografato … wow … e allo sviluppo non vi dico cosa è risultato, altro che bipedi piumati :-) sto ancora a chiedermi che ispirazione ho seguito :-)

9 commenti:

  1. VIEN VOGLIA DI MORDERE LO SCHERMO!

    RispondiElimina
  2. Che Cinzia sia la maga dei pennuti è indubbio ma detto così mi fa pure un po' ridere. Ma nessuno, degli astanti, potrà mai dimenticare il suo tacchino. Il tuo pollo invece, come dici tu, mi sembra venuto bene e bello croccante. E' giusto riprovare anche nelle cose che ci paiono più difficili, a tra qualche anno allora ;-)

    RispondiElimina
  3. Ottimo questo cartoccio con un pollo fritto benissimo! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Da leccarsi le dita ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Goduria allo stato puro e bellissimi anche i pirottini dove li hai serviti :)

    RispondiElimina
  6. Cara, le tue foto sono come sempre magnifiche, ma il contenuto é da urlo! Grandiosa come sempre!

    RispondiElimina